15/10/2018
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Manfrina e saltarello con il Bartoccio

Manfrina e saltarello con il Bartoccio
Un laboratorio per imparare a ballare la manfrina, il saltarello e altri balli popolari umbri, venerdi 9 febbraio



Il carnevale è tempo di balli popolari. Perciò, per chi vuole esercitarsi nei primi rudimenti di questi balli, si terrà Venerdì 9 febbraio dalle ore 16,00 a Umbrò, in via S. Ercolano 3, un Laboratorio di trescone e saltarello e altri balli popolari umbri, con Maurizio Gilotti.
Chiunque può partecipare, per riscoprire il piacere di questi antichi balli, allegri e grotteschi, veri riti di corteggiamento pieni di ritmo. Infatti il Bartoccio propone di allenarsi a ballare gli antichi balli tipici della nostra regione, che forse non sono ancora molto conosciuti ma non hanno nulla da invidiare a quelli più noti, come le tarantelle o la pizzica, con i quali anzi sono “imparentati“.
Un tempo, nelle campagne perugine, il ballo popolare per eccellenza era il trescone perugino, che nelle veglie popolari creava una atmosfera di comicità e di allusioni. In altre parti dell’Umbria, invece, il ballo popolare più diffuso era il saltarello. Altri balli molto popolari erano la frullana, lo scottìs, la manfrina, la quadriglia, e poi il ballindodici, il ballo della sala, il tacchipunta, il sor cesare…
Insomma, c’era una grande varietà di ritmi e di movimenti, e ogni paese e cittadina aveva le sue specialità, un po’ come avveniva per la cucina. Protagonista delle serate era l’organetto (poi venne la fisarmonica); e nelle rustiche sale da ballo finalmente si potevano incontrare e conoscere ragazzi e ragazze, e i ballerini più bravi potevano sfoggiare la loro abilità. Era una festa: e una festa può continuare ad essere anche oggi. Cominciando da questo pomeriggio dedicato ai balli popolari umbri.




Inserito giovedì 8 febbraio 2018


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4287968