22/09/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Vogliamo risposte

Vogliamo risposte
Paure e i timori della popolazione nelle vicinanze della discarica di Pietramelina: i cittadini hanno bisogno di sapere quale è il vero stato del territorio in cui vivono, un territorio che si sente sempre più abbandonato

Il Comitato Inceneritori Zero Umbria si fa portatore della paure e i timori della popolazione nelle vicinanze della discarica di Pietramelina e del suo territorio.

In più occasioni sono stati accertati dalla discarica di Pietramelina episodi di inquinamento nel vicino torrente Mussino, a fronte delle quali vi sono state delle condanne penali a carico di alcuni responsabili di Gesenu, inoltre è in corso un’indagine penale da parte della Procura della Repubblica riguardante l'impianto e la sua gestione e nonostante tutto si sente da parte delle istituzioni un silenzio assordante.

Il comune di Perugia in più occasioni ha assicurato l’avvio della procedura di tombamento della discarica, al contrario ad oggi sembrerebbe sempre più evidente una situazione oramai di abbandono che ha agli occhi dei cittadini del surreale.

Come se non bastasse esiste una relazione dell’Università di Perugia inviata al Servizio Geologico della regione Umbria e redatta nel novembre 2017, che evidenzia un rischio di cedimento del terreno su cui poggia la discarica, con un conseguente rischio di inquinamento del vicino torrente Mussino. Alla luce della quale cresce nella cittadinanza la paura per nuovi inquinamenti ancora più disastrosi.

Alla luce di tutto questo ci appare ancora più assurda la decisione della Regione Umbria del riavvio dell'attività di compostaggio nel sito limitrofo la discarica.

Pertanto il comitato, tramite il suo legale l'Avvocato Corrado Canafoglia, responsabile dell’Unione Nazionale Consumatori, ha richiesto in questi giorni, di sapere quali siano stati ad oggi da parte delle istituzioni gli interventi di bonifica relativi ai precedenti inquinamenti, a che punto è la messa in sicurezza della discarica e quando sia previsto l'iter di tombamento della stessa.

In quanto i cittadini hanno bisogno di sapere quale è il vero stato del territorio in cui vivono, un territorio che si sente ogni giorno sempre più abbandonato.

Il portavoce   Marco Montanucci



Comitato InceneritoriZERO

Inserito venerdì 23 febbraio 2018


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4823259