24/05/2018
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Quando il cinema attraversa le identità

Quando il cinema attraversa le identità
Omphalos organizza il CineOrgoglio, una rassegna cinematografica Lgbti in quattro serate. Al cinema Méliès, lungo tutto il mese di maggio


.

Perugia – Di rassegne cinematografiche ne abbiamo già viste molte ma nessuna è come CineOrgoglio (CinePride). Omphalos e CineGatti hanno deciso di offrire alla città di Perugia l’occasione di affrontare in quattro diversi giovedì del mese di maggio, molte delle questioni legate all’orientamento sessuale e all’identità di genere. Non una semplice rassegna cinematografica, CineOrgoglio (CinePride) è proprio un’esperienza, un’occasione offerta a chiunque per entrare in contatto con temi che molti credono di conoscere e invece ignorano del tutto.

«Ad ospitare CineOrgoglio (CinePride) sarà il cinema Méliès – spiega Stefano Bucaioni, presidente di Omphalos – per diversi motivi. Da una parte i gestori del cinema hanno sempre espresso la loro disponibilità davanti alle iniziative di Omphalos e poi il Méliès è una sala del centro, quel centro che a tratti crediamo morto, nel quale ci sembra che non succeda niente, che tutto sia nelle mani del caso. CineOrgoglio (CinePride) va in centro, al cinema Méliès, per quattro settimane e porta sotto gli occhi di tutti i temi della non-discriminazione e della libertà di intendere la propria identità».

Prima che a Perugia sia Perugia Orgoglio, è già tempo di CineOrgoglio (CinePride). In cartellone sono previste le seguenti pellicole:
• 3/5: Carol
• 10/5: Una donna fantastica
• 24/5: Il lupo in calzoncini corti
• 31/5: Chiamami col tuo nome

Tutti film recenti, di grande valore e che hanno ricevuto molti riconoscimenti e consensi di pubblico e di critica. Solo “Il lupo in calzoncini corti” è stato realizzato qualche anno fa ed è già passato in televisione ma merita lo stesso di far parte di una rassegna che pretende di attraversare le identità perché si tratta di un docufilm sulle famiglie omogenitoriali, tema del quale parlano in molti, a volte usando un lessico inappropriato, ma non tutti sanno quello che dicono. Solo per questo film è previsto un dibattito, alla fine della proiezione insieme a tre dei protagonisti della pellicola: Joshua Beppato e le sue due mamme.

Quattro film e la certezza di esserci “quando il cinema attraversa le identità”.

Ufficio Stampa
tel. 3398508056



Omphalos Lgbti

Inserito domenica 29 aprile 2018


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4014076