12/12/2018
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Con la salute non si può scherzare

Con la salute non si può scherzare
E' necessario assumersi le responsabilità per la tutela della popolazione. Ci sembra che le motivazioni per la revoca delle autorizzazioni ci siano tutte e ed è arrivato il momento di adottare le determinazioni conseguenti

Il consiglio Comunale di Città di Castello del 21 Maggio, nella parte dedicata alle comunicazioni dove è stata affrontata la questione Color Glass S.p.a. ha posto in evidenza, ancora una volta, che le preoccupazioni espresse dal Comitato Salute Ambiente Calzolaro Trestina Alto Tevere Sud sono assolutamente reali e fondate.
Il dibattito politico che si è sviluppato ha mostrato con chiarezza la difficoltà di taluni assessori e consiglieri comunali che nel consiglio Comunale del 15 Marzo u.s. hanno espresso posizioni critiche nei confronti del Comitato, definendolo in vari modi, e accusandolo di fomentare nella popolazione, in maniera demagogica, sentimenti di paura, terrorismo ecologico, angoscia.
Taluni consiglieri hanno perfino adombrato la legittimità di iniziative legali, da parte dell’azienda, per i volantini realizzati, finalizzati alla pubblicità di un convegno scientifico orientato a fornire alla popolazione una maggiore chiarezza e consapevolezza del problema. Ciò che avrebbe dovuto fare Pubblica Amministrazione invece di difendere tout court un’azienda che non osserva i parametri sulle emissioni stabiliti dalle norme e il tipo di materiale da lavorare.
 Non ci appassionano tuttavia i  doppi salti mortali carpiati rovesciati e con avvitamento di taluni personaggi, ciò che ci preme invece è verificare la capacità di tutti, ognuno per le proprie competenze, di assumersi le responsabilità in maniera chiara e trasparente sulla nota vicenda. Sotto questo aspetto possiamo garantire che come Comitato saremo inesorabili.
Responsabilità  che dovrebbero condurre gli amministratori Comunali ed i responsabili di vari enti quali Arpa , Usl , Regione Umbria, alla necessaria determinazione di revoca delle autorizzazioni ad oggi erroneamente concesse e alla conseguente delocalizzazione dell’azienda.
Le ispezioni effettuate in azienda, ancorché non ufficializzate ma secretate dall’Autorità Giudiziaria, hanno rilevato emissioni in atmosfera di sostanze oltre i  limiti consentiti dalla legge ed è stata rilevata inoltre la presenza di sostanze non autorizzate, cos’altro occorre individuare e verificare?
A questo punto ci sembra che le motivazioni per la revoca delle autorizzazioni ci siano tutte e ed è arrivato il momento di adottare le determinazioni conseguenti per fermare queste emissioni fuorilegge a tutela della salute della popolazione di Trestina e dell’intera zona Sud del Comune.
La tranquillità degli abitanti infatti non tornerà mai più ad essere tale, visto lo sviluppo della vicenda, che se non fosse stato per il Comitato che l’ha manifestata con forza, non sarebbe mai salita alla ribalta.
Ricordiamo a tal proposito la petizione di cittadini trestinesi, con tanto di firme, presentata all’amministrazione comunale fin dal 16 giugno 2016, che alla data odierna non ha ancora prodotto nessun tipo di intervento ma soltanto discussioni senza alcuna conclusione.
NON CI FERMEREMO SIA BEN CHIARO



Csa Calzolaro - Trestina Altotevere Sud

Inserito mercoledì 23 maggio 2018


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4383296