16/10/2018
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Ikea e la favola dei mille posti di lavoro

Ikea e la favola dei mille posti di lavoro
Il segretario regionale generale della Cgil dell’Umbria Vincenzo Sgalla: “Questo non è il modello di sviluppo che la nostra regione aspetta e ci interessa”

 

Con l’approvazione della Giunta Comunale di Perugia del progetto per la realizzazione del centro Ikea a Collestrada si avvia a chiusura un iter burocratico durato dieci anni. Se ben ricordiamo fu reso pubblico dall’allora direttivo del Circolo Legambiente di Perugia, altrimenti la cosa stava maturando senza che nessuno ne sapesse niente.

Adesso restano aperti ancora grandi problemi come quello legato alla viabilità. Visto che nella stessa area dovrebbe sorgere anche l’avvio della nuova tangenziale per il superamento del “Nodo di Perugia”.

Comunque è evidente che tutta la questione è stata molto strumentalizzata con la prospettiva che portasse ben mille posti di lavoro miracolosamente inventati.

Si è trattata di una vera e propria forzatura perché in Umbria e a Perugia esistono ormai molti nuovi centri commerciali e non c’era bisogno che ne nascesse un altro.

Lo attestano autorevolmente le parole di rara onestà intellettuale del segretario regionale generale della Cgil dell’Umbria Vincenzo Sgalla rilasciate nel corso di una breve intervista sulla situazione del sistemo industriale umbro nel corso del  tg regionale delle 19.30 di sabato 4 agosto c.m. Alla domanda del giornalista sul caso Ikea e i mille posti di lavoro promessi la risposta è stata semplice e diretta: “Questo non è il modello di sviluppo che la nostra regione aspetta e ci interessa”.

Resta aperto anche il caso della frazione perugina di San Martino in Campo dove inizialmente era stato previsto il mega intervento urbanistico utilizzando terreno agricolo. Il problema è che in quella prospettiva si crearono localmente tutta una serie di cambiamenti fondiari che adesso dovrebbero rimanere aperti a chissà quale sviluppo urbanistico, tanto che alcuni appezzamenti di terreno irriguo e fertile a tutt’oggi restano incolti come se si attendesse una variante al piano regolatore generale in fabbricabili come sembra in parte già avvenuto, ma lo costateremo in futuro.

 

Ex presidente del circolo Legambiente



Lauro Ciurnelli

Inserito giovedì 9 agosto 2018


Commenta l'articolo "Ikea e la favola dei mille posti di lavoro"

Commenti

Nome: Francesco Giulietti
Commento: a Collestrada l'Ikea provocherà danni al traffico inauditi, questo con il tempo comporterà lo smembramento della collina per una bretella che allegerisca il traffico. A questo punto era mille volte meglio farla a san Martino in campo

Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4288968