14/11/2018
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Umbria Jazz, il Jazz, Perugia e l'Umbria

Umbria Jazz, il Jazz, Perugia e l'Umbria
Albergatori, baristi, ristoratori possono aiutare Umbria Jazz ricordando al mondo del jazz che Perugia e l'Umbria sono tutto l'anno la regione e la città del jazz

Vorrei brevemente dire anche io la mia su Umbria Jazz, una manifestazione che è oramai parte della città di Perugia e della Regione Umbria. Penso che gli operatori commerciali perugini potrebbero fare molto per farla entrare ancora di più nel tessuto cittadino e regionale.

A Cortona per esempio c'è un piccolo festival jazz organizzato proprio da ristoratori e gestori di locali che nei loro locali ospitano gruppi jazz. Perché a Perugia al di fuori dei giorni di Umbria Jazz e dei concerti del Jazz Club non fanno qualche cosa del genere? I musicisti jazz perugini e umbri non mancano, per loro sarebbe una bella vetrina, per i commercianti un richiamo a basso costo, fermo restando che la musica si deve pagare.

Quello che penso è che Umbria Jazz albergatori, baristi, ristoratori la possano aiutare non necessariamente dandole dei denari, ma ricordando al mondo del jazz che Perugia e l'Umbria sono tutto l'anno la regione e la città del jazz aiutandole a diventarlo ancora di più.



Francesca Berioli


Inserito sabato 25 agosto 2018


Commenta l'articolo "Umbria Jazz, il Jazz, Perugia e l'Umbria"

Commenti

Nome: Giap
Commento: Aspettarsi che albergatori ristoratori baristi facciano qualche cosa per la città e la cultura è un'illusione. Chi ha voluto le auto fino a piazza Italia? loro. Chi si lamenta se un'annata di Umbria jazz non va come loro vorrebbero? loro. Chi ha voluto le auto di mattina in Corso Vannucci? Loro. Chi si frega con i tavolini più del dovuto? Loro. E chi li asseconda in tutto? Romizi e Barelli

Nome: denise j closset
Commento: A Cortona organizzano un piccolo e dignitoso festival jazz poi i commercianti ne organizzano uno proprio in altro periodo nel quale gruppi jazz suonano nei locali. Succede quello che succede in locali famosi tipo il Central Caffè di Madrid dove si ascolta e si consuma. Perché no anche a Perugia?

Nome: antonio
Commento: La proposta è interessante, ma dovrebbe estendersi alla produzione musicale locale in genere, non fermarsi al jazz, per non rischiare la monocultura

Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4334941