26/05/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Bartoccio 2019

Bartoccio 2019
Il potere socio-politico cittadino è contenuto nelle mani di chi continua a decidere per tutti. Non è una questione di maggioranze mutanti, ma una scarsa propensione alla democrazia diretta

Ormai è risaputo che il Bartoccio rappresentava un’antica maschera seicentesca di un paesano che veniva a Perugia dal Pian del Tevere nel corso del carnevale.

Con la sua arguzia popolana scagliava le bartocciate in dialetto contro il potere del papa e contro i potenti. Un’immagine che si è cercato di recuperare in questi ultimi anni. Anche se ormai molta acqua è passata sotto i ponti del Tevere e chi comanda non è certo più lo Stato Pontificio e in fondo a corso Vannucci non svetta la rocca fatta ergere da Paolo III.

Il potere socio-politico cittadino è contenuto nelle mani di chi continua a decidere per tutti. Non è una questione di maggioranze mutanti, ma una scarsa propensione alla democrazia diretta rappresentata da un singolo personaggio o da qualche consorteria. 

Si tratta di una specie di autoreferenzialità inattaccabile e il cittadino comune è un signor nessuno. Si possono fare domande tutti i giorni tanto non arriva alcuna risposta. Le periferie stesse rimangono sempre molto lontane dal palazzo.

Fa parte del gioco la carta stampata e significativo è il caso del quotidiano più diffuso che ha cambiato ultimamente due direttori, ma non c’è più spazio per le lettere dei lettori.



Lauro Ciurnelli


Inserito martedì 29 gennaio 2019


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4656821