25/05/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Povera loggia di San Severo

Povera loggia di San Severo
A Perugia è già iniziata la campagna elettorale per il Comune, i candidati dovranno confrontarsi sull'idea di città che non potrà prescindere dall'idea del Palazzo dei Priori che hanno e da cosa pensano di questo suo quotidiano utilizzo

A Perugia in questi giorni i perugini hanno visto con orgoglio che il Palazzo dei Priori è stato utilizzato per alcune scene dello sceneggiato televisivo tratto da “Il nome della rosa” di Umberto Eco.

Questo, tuttavia, non deve far dimenticare che ben altro è lo scopo per il quale il Palazzo Comunale è stato costruito: non fondale scenografico, o location, per sceneggiati ma per essere simbolo e cuore pulsante del Comune, luogo di vita e di senso nel quale un'intera si riconosce.

E tuttora è così grazie al Consiglio Comunale e la Giunta comunale che vi si riuniscono, all'uso appropriato della Sala dei Notari , alla Galleria Nazionale dell'Umbria unica in Italia ospitata in un Palazzo Comunale.

È per questo che fa male al cuore vedere che ogni giorno il Palazzo dei Priori è imbruttito dal parcheggio selvaggio davanti alla Loggia di San Severo con i suoi pregiati capitelli del 1339, opera del maestro Vester Zutii di Porta San Pietro, che sfoggiano orgogliosamente il Grifo perugino.

Loggia e capitelli hanno tante storie da raccontare, andrebbe adeguatamente ripulita e lasciata a disposizione dei turisti e dei perugini; non scempiata dal parcheggio abusivo, considerata riparo per scooter e balle per l'edilizia lasciate lì da parecchio tempo.

A Perugia è già iniziata la campagna elettorale per la guida del Comune, i candidati dovranno confrontarsi sulla rispettiva idea di città che non potrà prescindere dall'idea del Palazzo dei Priori che hanno e da cosa pensano di questo suo quotidiano utilizzo.

 



Vanni Capoccia

Inserito mercoledì 6 marzo 2019


Commenta l'articolo "Povera loggia di San Severo"

Commenti

Nome: Costanza Ciabatti
Commento: Le Logge di san Severo sono parte del Palazzo Comunale. In nessun altra città italiana sarebbe consentito quest'offesa al palazzo simbolo della città

Nome: Giap
Commento: Il motorino è sempre lì com'è possibile che i vigili non siano ancora andati dal proprietario e gli abbiano fatto capire che quelle sono le Logge di san Severo e non il suo parcheggio coperto?

Nome: Dori Verde
Commento: Comunque protestare serve: uscito il post il giorno dopo via le balle e via il motorino

Nome: Francesca Berioli
Commento: ogni mattina è in quel modo, sempre

Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4654552