19/03/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Bartoccio al congresso de le maschere

Bartoccio al congresso de le maschere
La Bartocciata votata dal pubblico della Gara di Bartocciate come la "Bartocciata dell'anno" 2019


Tra no strufolo e na frappa
tra 'l vinsanto e n po’ de grappa
esaurita la magnata
m’era nuta sta pensata:
ogni santo Carnevale
lungo tutto lo stivale
noi eroi carnascialeschi
oltre agli abiti burleschi
indossiam da vanitosi
quelli ben più prestigiosi
di autorevoli esponenti
al servizio delle genti
criticando in libertà
tutto quello che non va
e volendo far vedere
le magagne del potere
tanto è ver che non di rado
riceviamo di buon grado
in codesti giorni qua
molte chiavi di città.
E così mi vien l’idea
 di invitare in assemblea
tutti questi personaggi
brontoloni furbi o saggi
per poi far con cognizione
'l punto della situazione…
ce scappasse, e non è dato,
de fà pure 'n sindacato!
Detto fatto invito tutti
quelli belli e quelli brutti:
'l milanese Meneghino
e Gianduia de Torino
Stenterello con Brighella
quel lillon de Pulcinella
poi Tartaglia Balanzone
Meo Patacca e Pantalone
lì a Viareggio quel bislacco
che per nome ha Burlamacco
quindi a Bergamo Arlecchino
e da Roma 'l sor Pasquino.
Beh… sapete com’è andata?
Na solenne buggerata!
I colleghi veneziani,
personaggi goldoniani,
arivati al Verghereto
so' incappati ntol divieto
ed, alquanto dispiaciuti,
ènn' argìt' da dua son nuti
perché questa carreggiata
tutta buche e disastrata
è tagliata lì a metà
e più oltre 'n ce se va.
Molto meglio non è andata
alla nordica brigata
che a Perugia per la festa,
Arlecchino avendo in testa,
si illudeva lieta e gaia
di arrivare su rotaia:
una sola Frecciarossa
è na fregatura grossa
una corsa al dì, io penso,
è na cosa che 'n cià senso
e per chi ha il Grifo nel cuore
questo è quasi 'n disonore
ma in Region cionno 'l pallino
de guardare… a Rigutino!!
E da Roma qual buon vento?
Cocchi mia, peggio me sento!
Se in treno da noi voi arrivà
'l due-est è 'l binario da pijà
che da Termini è foravia
giuppersù 'n periferia,
è da fà le maratone
e quan sali ciai 'l fiatone.
Poi dal sud a Fontivegge
è 'n viaggio che 'n se regge:
sali, scendi, treni lenti
se non stiamo più che attenti
abbiam la sorpresa amara
d’artrovacce a Falconara.
Ce sarebbe l’areoporto
che purtroppo è quasi morto
perché scelgono via via
ogni peggio compagnia
quelle de seconda mano
che non cion manco 'n areoplano.
Re Dodone de Castello…
può arrivare almeno quello?
Macché… 'l treno Effeciù
oggi è come se 'n c'è più
e a Sant’Anna, taja taja
'n c'è più manco na rotaia.
Donca… co sti fatti qui
'l meeting lo lassamo gì
e per non pensacce più
a pedagna vado giù
pel sentiero, daje daje,
che era de le lavandaie
fino a Pretola, ai tre Ponti
dove trovo amici pronti
ad offrirmi un po’ di vino
specie lì a Ponte Felcino
dove sempre a me m’accoglie
'l buon Sigèfrido e la moglie.
Perché tanto 'n ce son santi:
co sti nostri governanti
ta Perugia je tocca de restà
isolata da qui all’eternità.



Stefano Vicarelli


Inserito venerdì 8 marzo 2019


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4541853