02/06/2020
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Ma semo 'n guerra?

Ma semo 'n guerra?
Guerra? Ma chi l'avria dichiarata e contro chi? Chi sariono j'aleate e chi i nemice? E adesso che facemo? Je sparamo 'nchi fucile? Bombardamo j'ospedale dua che s'anida?

E' 'n po' de giorne che 'n se sente parlà
si no' de Guerra. Guerra? Ma chi l'avria dichiarata
 e contro chi? Chi sariono j'aleate e chi i nemice?
Perché l'esercito alora è pe le strade nostre?
E chi combatte? Io  n'ciarcapezzo  niente.
Finora evo capito che ce fusse n'infezzione
e che la parola a l'ordine del giorno fusse
contagio e che s' trattava, pe' salvà ta le persone
de trovà 'n modo veloce de bloccà 'n virus
venuto da lontano che la Natura, tra i tante,
cià mandato, ma quisto è più feroce.

E adesso che facemo? Je sparamo 'nchi fucile?
Bombardamo j'ospedale dua che s'anida?
Miramo ta i polmone de la gente 'nfetta?
Che si è guerra è guerra e chi vol Cristo se 'l prega
che è quil chemo ditto ta i profughe siriane
e ta quil'altre che so' arivate senza arme né bagaje
 a chiede aiuto.La Guerra è Guerra,
ma 'n ce posso crede che servono i fucile
contro i virus, anzi i' penzo che 'l vero virus
da combatte è quillo che rode le coscienze e
che rispunta come i sparnace quan che vien
la primavera, e 'n se riescirà mai a stricallo
né a buttallo  fora da la Storia,  si la prima parola
che ce vien  tra i dente quan che ciariva 'na  calamità
 e rimbalza da le bocche de la gente - gente cinina
o 'mportante, ma sempre con gran facilità -,
è proprio quista: la parola Guerra.

Come si Capitini Don Milani, Ghandi,
Etty Hillsum Malala e la Zambrano,
Bertha Von Suttner e le Donne 'n Nero,
e de gente da cità ce n'è parecchia,
no' ultime la mi vicina, che se chiama Quintilia
e me regala l'erba  campagnola, e vien da me
 tutta 'mbacuccata,e dice che la guerra
 lia l'ha 'ncontrata, anche si da cinina,
e  de nominalla 'n su' presenza
'n se ne parla; pu l'infermiera Sara
che viene a casa a famme  le punture,
la sarta che cuce i rimasuje  de stoffa
pe' fà le mascherine, i volontarie che sfamono
e rimpannucciono i poracce, la mi' vicina,
che gnitanto, quan che me vede stanca,
me cucina; e tutto a gratis 'nco spirito de pace
….
 fussero solo  santine da parrocchia.




la Suntina de Bartoccio

Inserito lunedì 30 marzo 2020


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 5172370