02/06/2020
direttore Renzo Zuccherini

Home >> 25 Aprile: la festa bella della Liberazione

25 Aprile: la festa bella della Liberazione
...ricordiamo tutti questa data perché l'han messa nella Costituzione, questa è la Festa della Liberazione

Desidero raccogliere l'invito dell'Anpi Perugia Io resto a casa ma penso (http://www.latramontanaperugia.it/articolo.asp?id=8640), che ho letto sulla pagina facebook della Tramontana lo scorso 11 aprile.
Il mio contributo parla del 25 Aprile 2019, quando ancora il coronavirus manco sapevamo che fosse, ma avevamo un vice premier che menava vanto di non festeggiare il 25 Aprile.
Quello stesso vicepremier, oggi declassato a capo dell'opposizione, ovvero della destra peggiore d'Europa, rimane un energumeno capace solo di spargere veleno, notizie false, odio e disinformazione.
E a sostenerere la non necessità di festeggiare il 25 Aprile ha adesso in coda un sedicente giornalista, pure lui dedito a dare il peggio che si può dare in questo povero Paese.
La poesia che invio fa parte di una raccolta inedita intitolata "Scherza coi facnti" e dedicata alle ricorrenze sacre e religiose, in particolare ad alcuni santi. L'ho trascritta qui di seguito, grazie per l'attenzione.

 Anna Martellotti

 25 Aprile 2019 – San Marco
 

San Marco è stato un santo evangelista;
nome comune sì, però importante,
persone con quel nome ce n'è tante,
quasi nessuno può completar la lista;

ma ricordiamo tutti questa data
perché l'han messa nella Costituzione,
questa è la Festa della Liberazione
che in tutta Italia andrebbe celebrata.

Ora però, purtroppo è qualche mese,
in Italia siam messi così male
che disconosce una festa nazionale
perfino chi governa il mio Paese.

Perdonami, San Marco del leone,
ma per me resta il 25 Aprile,
principalmente, checché blateri un vile,
la festa bella della Liberazione.

 



Anna Martellotti

Inserito sabato 25 aprile 2020


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 5172388