27/10/2020
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Covid-19: l'impegno di Medici senza frontiere

Covid-19: l'impegno di Medici senza frontiere
Oltre cinquanta operatori impegnati nella risposta al coronavirus in Italia


In queste settimane molte Ong, Onlus e associazioni di volontariato (a cominciare da Medici senza Frontiere ed Emergency) sono state attaccate, in particolare sulle retiásociali, da uomini e forze politiche di destra e da loro simpatizzanti, accusati di non fare nulla per gli italiani e la loro salute.
L'accusa Ŕ palesemente falsa ed Ŕ un misto tra ignoranza, strumentalitÓ politica, becero calcolo elettoralistico, sciacallaggio ed umana cattiveria.
Per questo diamo voce ad una di queste organizzazione, in questo caso MEDICI SENZA FRONTIERE, affinchŔ con i fatti dimostrino quanto della loro attivitÓ si svolge non solo in tutto il mondo, ma anche in Italia, e comunque ovunque ci sono persone che ne hanno bisogno perchŔ per noi non esiste il credo "prima gli italiani" perchŔ siamo tutti figli di questo mondo e di una unica Terra.

Luigino Ciotti - presidente circolo culturale "primomaggio"

(foto di repertorio)


Aumenta il nostro impegno per fermare il virus

Oggi sono oltre cinquanta i nostri operatori impegnati nella risposta al coronavirus in Italia. Medici, infermieri, logisti, promotori della salute e psicologi stanno mettendo a disposizione la propria esperienza nella gestione di epidemie supportando ospedali, medici di base e comunitÓ vulnerabili come le strutture per anziani.

In Lombardia e nelle Marche stiamo lavorando insieme agli operatori sanitari locali impegnati oltre ogni limite dall'inizio dell'epidemia. Il nostro obiettivo principale Ŕ quello di proteggere loro e i loro pazienti attraverso protocolli e procedure per evitare la diffusione del virus.

Fuori dagli ospedali, stiamo svolgendo attivitÓ di supporto sul territorio e lavorando con i medici di base impegnati nell'assistenza a casa dei pazienti positivi che non necessitano di ricovero.

Per farlo Ŕ stata fondamentale la telemedicina: in collaborazione con le autoritÓ sanitarie locali, stiamo utilizzando appositi dispositivi per monitorare a distanza i pazienti, la loro condizione e parametri importanti come la saturazione di ossigeno. Un'attivitÓ che permette di alleggerire la pressione sugli ospedali pur rimanendo vicini a chi ne ha bisogno.

Non ci fermiamo ma aumentiamo il nostro impegno, non solo in Italia. Di fronte a una sfida ormai globale, stiamo intervenendo in oltre 40 paesi, dall'Europa, all'Africa all'Oceania.

https://www.medicisenzafrontiere.it/news-e-storie/news/coronavirus-aggiornamento-sullepidemia/?codiceCampagna=20.COW.NL.4.ENEWSAZ&utm_source=aziende&utm_medium=email&utm_campaign=nl-292&utm_content=DM&url_map=calltoaction

 



Medici senza frontiere

Inserito sabato 2 maggio 2020


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 5351928