01/06/2020
direttore Renzo Zuccherini

Home >> 7 maggio 1944: viene fucilato il partigiano Primo Ciabatti

7 maggio 1944: viene fucilato il partigiano Primo Ciabatti
76 anni fa, il sacrificio del giovane antifascista e partigiano  

Primo Ciabatti, antifascista, allievo di Capitini e poi comunista, fu tra i primi a passare ala clandestinità e alla lotta partigiana, insieme all'amico Riccardo Tenerini. Per la dura vita alla macchia si ammalò.

Il 7 maggio del 1944 i tedeschi lo trovarono, convalescente, in una casa di contadini nella campagna di Cagli, e lo trascinarono via: durante il tragitto, lo uccisero con una sventagliata di mitra.

Per ricordarlo, ripropongo la canzone che ne ricorda la vita e l ultime ore.

Primo Ciabatti partigiano

 

(sull'aria di Sante Caserio di Pietro Gori)

 

  

 

Quista è la storia de Ciabatti Primo

 

partigian che tol core ce tenimo

 

morto a vent'anni solo per summià

 

de vive ntla giustizia e libertà,

 

quanno i tedeschi l'honno catturato

 

tol letto dua dormiva da amalato

 

l'hon fatto caminà p'la via maestra

 

c'era solo 'l profume d'la ginestra.

 

 

 

Camina Primo spinto dal fucile

 

del soldato tedesco torso e vile

 

e pensa Primo mentre che camina

 

che quilla sarà l'ultima matina:

 

èn le campagne d'la su gioventù

 

doppo de ogge nun l'arvedrà mai più.

 

Guarda qui colli rinverditi a maggio

 

i campi dua dagià cresce 'l foraggio

 

 

 

l'erba e le foglie molli da la guazza

 

e arpensa tal sorriso d'na ragazza

 

arpensa tai compagni de na vita

 

che quela scelta l'honno scompartita:

 

arpensa ta Riccardo Tenerini,

 

ch'ènno cresciuti nsieme da freghini

 

nsieme hon fatto le scritte antifasciste

 

prima d'alora mai nun s'eron viste.

 

 

 

Arpensa ta Perugia e quela torre

 

dua s'ardunavon tutti per discorre

 

con Capitini d’ libertà e coscienza,

 

de giustizia, 'l fascismo e la violenza.

 

Pu quanno è stata l'ora dla battajia

 

via, sui monti tol fitto d'la rogaja,

 

senza rimpiagne l'ogge e nné 'l domani

 

èn diventati i primi partigiani.

 

 

 

Tra i contadini ha fatto 'l partigiano,

 

ha magnato e bevuto e misso 'l grano,

 

sentiva la lor voja de riscatto,

 

de dà ta l'ingiustizzia lo sbaratto:

 

e 'n se sentiva solo con Mancini,

 

con Dario Taba e con Enea Tondini,

 

a fà azioni de lotta e de guerrija,

 

lore per lu eron tutta la famija.

 

 

 

Arivati a la svolta dlo stradello

 

dua l’acqua curre drent’a 'n riganello

 

s'afermono i tedeschi e cla mitraja

 

je sparono là 'n mezz'a la boscaja.

 

E' morto tlì, sotto i fiori del maggio:

 

murì cussì ce vol tanto coraggio.

 

Cittadini 'n piagnete la su morte

 

è morto col coraggio de chi è forte!

 

 

 

Renzo Zuccherini

 


Inserito giovedì 7 maggio 2020


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 5171373