27/10/2020
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Finanziato il Fondo Nazionale per l'accesso alle locazioni

Finanziato il Fondo Nazionale per l'accesso alle locazioni
Ad oggi è quindi disponibile un Fondo destinato ad aiutare i conduttori in difficoltà a far fronte agli obblighi contrattuali

L’A.Di.C. (Associazione per i Diritti dei Cittadini) Regionale dell’Umbria esprime soddisfazione per il fatto che il Fondo Nazionale per l'accesso alle abitazioni in locazione previsto dalla legge nazionale che disciplina gli affitti sia stato rifinanziato del Governo Nazionale prima e dalla Giunta Regionale poi, la quale ha così aderito alla sollecitazione avanzata anche dalla nostra Associazione. Ad oggi è quindi disponibile un Fondo destinato ad aiutare i conduttori in difficoltà a far fronte agli obblighi contrattuali, che ammonta a 2.677.887,29 euro, di cui 1.166.052,81 messi dal Governo centrale, e 1.511.834,48 stanziati dalla Regione, con la Delibera n. 397 del 20/05/20.
Come ADiC lo scorso 4 maggio avevamo inviato alla Presidente della Giunta una lettera in cui facevamo presente che in questo periodo a seguito dell’emergenza sanitaria e del blocco di molte attività, ci sono tante famiglie già provate economicamente, che non hanno le risorse necessarie a far fronte al pagamento degli affitti. E quindi chiedevamo alla Giunta Regionale dell’Umbria di creare un fondo ad hoc da erogare con procedure molto semplificate, al fine di evitare che le cause di sfratto già attivate pervenissero al termine.
Nella Delibera regionale è previsto che tutti i comuni entro il 15 giugno prossimo emettano un Bando per la presentazione delle domande da parte dei conduttori di immobili in locazione che hanno difficoltà a far fronte al pagamento degli affitti. In allegato vi è una tabella in cui è indicata la  ripartizione delle risorse tra tutti i comuni dell’Umbria secondo i criteri usati già negli anni scorsi.
Solo al momento della formazione delle graduatorie sarà possibile verificare se le risorse a disposizione sono sufficienti per rispondere alle domande, che sicuramente saranno in numero superiore agli anni passati, visti i problemi creati dalla pandemia e dal conseguente lockdown. Nel caso in cui il Fondo a disposizione non fosse sufficiente, l’ADiC interverrà per richiedere lo stanziamento di risorse aggiuntive.
Nei prossimi giorni, in termini di azione politica la nostra Associazione vigilerà, Comune per Comune, sul rispetto del termine del 15 giugno per la pubblicazione dei bandi, chiedendo anche un impegno concreto degli amministratori per affrettare le procedure burocratiche per l’esame delle domande e la formulazione della graduatoria.
In termini invece di assistenza individuale, i numerosi sportelli della nostra Associazione presenti in 16 Comuni dell'Umbria (Perugia , Terni, Foligno, Spoleto, Città di Castello, Gubbio, Bastia, Assisi, Gualdo Tadino, Marsciano,  Narni, Amelia, Corciano, Magione, Castiglione del Lago e Norcia)  saranno a disposizione dei cittadini per il reperimento della documentazione richiesta, la compilazione dei moduli e la presentazione della domanda.
Per rivolgersi ai nostri sportelli, in questo particolare momento dove le aperture in alcune città sono condizionate dalla pandemia in atto, basta consultare il sito www.adicumbria.it  dove è facile trovare il luogo e gli orari di apertura degli sportelli e nei comuni in cui sono momentaneamente chiusi, ci si può rivolgere ai numeri telefonici degli sportellisti locali riportati nel sito stesso. In alternativa si può scrivere all'indirizzo mail: adic.umbria@gmail.com, oppure telefonare alla sede Legale di Perugia ai numeri: 075 5004728 / 320 0171746.



ADiC Regionale Umbria


Inserito domenica 31 maggio 2020


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 5351977