21/10/2020
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Come nasce la ''megapanzana''?

Come nasce la ''megapanzana''?
Sono i comportamenti delle persone che fanno nascere le megapanzane

Molte frasi, molte parole che dicono, che hanno detto o che diranno in futuro i leader politici di tutti i tempi sono, sono state o saranno, squisiti esempi di “megapanzane”; cioè di cose dette che all’evidenza dei fatti sono risultate, risultano o risulteranno, totalmente discordanti, sia che siano buttate là in malafede o no, dal contesto della realtà,.

Ma non caschiamo in errore; le frasi o le parole che diventano megapanzana non nascono già tali, sono i comportamenti della persone che gli danno l’imprimatur; sia a vantaggio proprio o a danno di altri.

Prendiamo per esempio alcune frasi che il Presidente della repubblica ha pronunciato per la festa del 2 giugno di ieri ed in particolare una: «Superiamo le divisioni come nel 1946. L’unità morale viene prima della politica. Inaccettabile disperdere sacrificio della nostra gente».

Nulla da dire! Un concetto in sé per sé sacralmente vero, che ti fa sentire parte attiva di una Nazione. Un concetto che, oltre che darti speranza per il futuro, ti fa rimboccare le maniche della camicia e ti dà la forza di lottare per un futuro migliore, per te e per il Paese ma, purtroppo, nella stessa giornata nella quale Mattarella l’ha detta, qualcun altro, suo malgrado, l’ha fatta diventare una “megapanzana”!

Cosa l’ha fatta diventare tale? La manifestazione del centrodestra a Roma.

Una manifestazione sbagliata e non giusta? Certo che no!

Tutti abbiamo il diritto di manifestare le nostre idee e intenzioni, ci mancherebbe altro! Se così non fosse daremmo un calcio alla nostra Democrazia Liberale. L’unico fattore che ha fatto diventare una megapanzana ciò che ha pronunciato il Presidente della Repubblica è stato lo studiato tempismo con cui ha voluto manifestare le sue intenzioni il centrodestra.

Fatto volutamente o non volutamente? Non importa! Il risultato è sempre quello: contraddire il Presidente Mattarella e far vedere un’Italia divisa anche dove dovrebbe essere unita.




Giampiero Tamburi

Inserito giovedì 4 giugno 2020


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 5344806