30/10/2020
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Piazza Grimana: la pazienza è finita!

Piazza Grimana: la pazienza è finita!
Trasformata in parcheggio da questa amministrazione, le poche persone che ancora lo frequentano, in quale miserevole degrado! La piazza è ormai sotto il totale controllo degli spacciatori


Sono tre anni che aspettiamo una sistemazione decorosa di P. Grimana, nulla è stato fatto, solo rinvii e promesse non mantenute!
Per favore non accampate scuse, né Covid-19, né mancanza di fondi.
L’unica cosa che vi è mancata è la volontà politica.
Il sottoscritto ha sempre cercato una collaborazione, tanto è che il progetto di riqualificazione, era stato scritto insieme, con il sindaco e altri importanti dirigenti del comune, ratificato da una assemblea nella sede dell’associazione “vivi il borgo”.
Dopo tre anni nulla si è fatto, solo la vecchia edicola è stata portata via.
Era prevista la completa pedonalizzazione della piazza, uno spazio da sempre dedicato alla socialità.
Trasformata in parcheggio abusivo da questa amministrazione, da cinque lunghi anni, le poche persone che ancora lo frequentano, vedete dalle foto, in quale miserevole degrado!
La piazza è ormai sotto il totale controllo degli spacciatori, si entra con l’auto, si prende la dose e via, sotto un altro.
Di norma è controllata da quattro pali, che avvisano gli altri di qualsiasi movimento.
I ragazzi che giocano lì a canestro, hanno paura e molti non vengono più.
Questi veri delinquenti non vogliono nemmeno che li guardi nei loro traffici, se no minacciano.
Hanno sradicato pure le panchine, per metterle dove gli fa più comodo.
Il campetto avrebbe bisogno di manutenzione, di questo è stato informato il sindaco e l’assessore Pastorelli, non hanno nemmeno avuto la cortesia di una risposta.
Questa amministrazione, al di là della propaganda, ha perso completamente il controllo della città che dovrebbe governare.
Si vede dallo stato del parcheggio selvaggio, che ormai invade ogni via e piazza della città, poi puntiamo sul turismo?
I lecci come vedete andrebbero diradati e potati, non fosse mai che andiamo a disturbare gli spacciatori, che all’ombra di questa foresta agiscono del tutto indisturbati!
Abbiamo altresì capito che le operazioni in grande stile, della durata di mezza giornata, fatte da polizia e carabinieri, non servono a nulla.
Ci vuole un controllo stabile del territorio, che non riguarda naturalmente solo lo spaccio.
Ma tutte le illegalità, di cui vivono anche tanti bravi perugini, a cominciare dagli affitti in nero e ristrutturazioni edilizie che gridano vendetta!
Ora, o vi decidete ad intervenire subito, o a settembre vi verremo a presentare le nostre proposte, che da anni attendono una risposta, ma saremo molto numerosi, perché numerose e varie sono le vostre inadempienze!
Da quando nel lontano 1536, il cardinal Grimani, mise mano, ad una sua ristrutturazione, la piazza che porta il suo nome, è diventata una delle piazze più importanti della città, non consentiremo che questo degrado, si perpetui nel tempo.
Grazie.



Primo Tenca


Inserito venerdì 10 luglio 2020


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 5354617