05/08/2020
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Libertà per Patrick Zaki

Libertà per Patrick Zaki
Noi rinnoviamo l'appello all'Università per Stranieri e a quella degli Studi di Perugia affinché facciano sentire le loro voci in favore di Patrick Zaki. E al Consiglio Comunale di Perugia di attivarsi affinché gli sia concessa la cittadinanza onoraria

Patrick Zaki dovrà restare in carcere in Egitto per altri 45 giorni senza alcun motivo che lo giustifichi. È evidente il tentativo del regime egiziano di far passare tempo e far calare l'attenzione su questo giovane ricercatore studente dell'Università di Bologna.

È altrettanto evidente che il governo italiano non ha la forza di costringere Al Sisi a liberare Patrick e farlo tornare ai suoi studi.

Per questo è indispensabile che la mobilitazione dell'opinione pubblica non finisca, che il caso diventi internazionale, che tutta l'Europa prema per la sua libertà.

Finora l'Università di Bologna e la città di Bologna si sono fatte carico della situazione di Patrick. Ma è indispensabile che tutte le università italiane ed europee lo sentano come un loro studente e facciano sentire la loro voce in difesa di questo giovane che, come tutti gli studenti, ha il diritto di tornare ai suoi studi.

Noi rinnoviamo l'appello all'Università per Stranieri e a quella degli Studi di Perugia affinché facciano sentire le loro voci in favore di Patrick Zaki. E al Consiglio Comunale di Perugia di attivarsi affinché gli sia concessa, come hanno fatto altri comuni italiani, la cittadinanza onoraria di una città nota nel mondo per essere città degli studenti di ogni parte del mondo.



Perugia, Umbria, Mondo


Inserito mercoledì 29 luglio 2020


Commenta l'articolo "Libertà per Patrick Zaki"

Commenti

Nome: Alessandro Felici
Commento: Continuate a ricordarlo altrimenti il suo destino sarà segnato

Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 5254363