22/10/2020
direttore Renzo Zuccherini

Home >> A proposito del Cva di San Martino in Campo

A proposito del Cva di San Martino in Campo
Certi interessi della politica locale avrebbero dovuto attivarsi molto tempo prima. Mentre se la questione avrà un lieto fine il merito sarà da attribuire soltanto al Gabbiano che gestisce con passione la struttura

Oggi 13 aprile leggiamo citata in tutte le testate della stampa locale, la vicenda che ha visto protagonista il Cva di San Martino in Campo chiuso da mesi per alcuni lavori di ristrutturazione.

Dopo il forte ritardo, in seguito all’ultima assemblea pubblica a cui hanno partecipato rappresentanti politici e istituzionali di maggioranza e opposizione, organizzata dal C.S.C. “Gabbiano”, i lavori del cantiere sembra abbiano avuto un’accelerata per terminare in breve.

Come dire che certi interessi della politica locale avrebbero dovuto attivarsi molto tempo prima. Mentre se la questione avrà un lieto fine il merito sarà da attribuire soltanto al Gabbiano che gestisce con passione la struttura.

Comunque credendo nelle buone volontà si potrebbe pensare di organizzare una pubblica assemblea una volta terminati i lavori di recupero, per mettere in fila tutti i problemi che da tanto tempo affliggono la nostra comunità che vanno dal “mistero” delle tante aree agricole di pregio attualmente abbandonate da ogni coltura e che circondano l’abitato, l’ area degradata dove insiste la chiesetta della Madonnuccia, il recupero di quel che resta della ex ferrovia Centrale Umbra, la residenza estiva dei conti Donini oggi sotto vincolo, ma completamente soffocata dalla vegetazione ecc…..

 



Lauro Ciurnelli

Inserito mercoledì 14 ottobre 2020


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 5345804