29/11/2020
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Ecco come si smantella la sanità pubblica

Ecco come si smantella la sanità pubblica
La Giunta Tesei doveva proteggere le cose più preziose che un paese ha, la sanità e la scuola: non ha protetto né l'una né l'altra

1. L'Umbria, regione libera da Covid, si è trovata completamente indifesa di fronte alla nuova ondata della pandemia.

Se è successo è perché la Presidente della Regione Tesei e il suo assessore alla sanità Coletto poco o nulla hanno fatto per trovarsi preparati ad affrontarla.

Non è successo per incapacità, è accaduto perché la Tesei è stata eletta e Coletto è venuto in Umbria dal Veneto, per smantellare la sanità pubblica a favore della privata (non a caso il Corriere dell'Umbria di proprietà di un ras della sanità privata li ha completamente appoggiati).

Il modo usato per farlo che la destra usa in Italia è molto semplice e sperimentato: non si investe nel pubblico, che automaticamente si impoverisce e decade a favore della sanità privata che si arricchisce.

Ecco perché non hanno investito nella sanità pubblica.

Ora grazie all'epidemia trasformeranno gli ospedali di Spoleto e Pantalla in ospedali covid ed hanno già annunciato che lavorano per consentire a equipe di questi ospedali "di avere spazi in altri ospedali".

Non hanno detto in altri ospedali pubblici, ma "altri ospedali".

Ecco come si smantella la sanità pubblica approfittando del covid: Pantalla non tornerà più ospedale e Spoleto lo ritornerà indebolito.

2. La Presidente della Regione Umbria ha trovato una regione praticamente libera da Covid. Eppure pur beneficiando di questa situazione e amministrando una piccola regione non complessa come possono essere le grandi non è riuscita a potenziare un servizio, non ha aumentato i posti nelle rianimazioni ed ora l'Umbria è una delle regioni più colpite - se non la più - dalla nuova ondata dell'epidemia.

Di fronte a questo l'unica soluzione che prende è contro le scuole riportando parte degli studenti alla Didattica a distanza.

Doveva proteggere le cose più preziose che un paese ha, la sanità e la scuola: non ha protetto né l'una né l'altra.

 



Vanni Capoccia

Inserito venerdì 23 ottobre 2020


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 5396412