17/09/2021
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Fontivegge e S.Anna, due belle e amabili sorelle

Fontivegge e S.Anna, due belle e amabili sorelle
Attraverso una semplice linea ferroviaria, si potrebbe garantire la connessione della rete regionale con quella nazionale. Intanto, la proliferazione di strade non fa che attrarre il traffico automobilistico: più strade costruisci e più aumenta il traffico


Abbiamo due stazioni ferroviarie a Perugia: quella di Fontivegge e quella di Sant’Anna, due eleganti signore d’altri tempi che hanno servito egregiamente viaggiatori di ogni dove per decenni. Due affezionate sorelle che non vedono l’ora di unire le loro forze per soddisfare ogni fondamentale esigenza del viaggiatore.

E’ da più di mezzo secolo che se ne parla, ma se ne parla e basta e nessuna volontà prevale per intraprendere un progetto che un giorno possa portare i suoi frutti. Attraverso una semplice linea ferroviaria, col duplice scopo di appagare l’utenza cittadina, si potrebbe garantire la connessione della rete regionale con quella nazionale.

Fontivegge e Sant’Anna: due figlie di una stessa madre che è la città, che si sono spese generosamente nell’accogliere, nel fare accomodare i viaggiatori nel loro cammino, chi per un motivo chi per un altro, alla volta delle vie cittadine.
Perché continuare a tenere separate e trascurate le due stazioni, quando assolvono da sempre una stessa e identica funzione?

Unite farebbero la forza.

Non si giunge a un progetto ma continua a dominare una visione ottusa e monoculare, estranea dagli intenti della pianificazione urbanistica e ambientale. Tanto, chi se ne accorge? Ci buttano fumo negli occhi, per poi farci credere che alcune aiuole spartitraffico, come quelle della “rigenerazione di Fontivegge” siano la piazza vera e propria. Anche nella Nuova Monteluce il concetto di piazza è stato malamente soppiantato da instabili, malsane e inadeguate griglie metalliche “passafumo”.

Nella stazione di S. Anna l’idea di piazza è stata completamente disattesa e scavalcata.

Anziché una fruttuosa politica veicolare collettiva, igienica, salutare, vantaggiosa ed economica, si continua ostinatamente a tracciare strade su strade, a preferire il piatto ricco opulento delle bretelle, degli assi di penetrazione, dei rettifili, degli anelli, dei nodi, nodini e rotonde.

Tutti mezzucci spacciati per altrettanti toccasana per fluidificare la circolazione, mentre all’atto pratico, la proliferazione di strade non fa che attrarre il traffico automobilistico, appesantendolo: più strade costruisci e più aumenta il traffico.
In questo già di per sé caotico scenario, come avrebbe potuto il signor Covid astenersi dal percorrere le vie d’accesso che gli abbiamo spianato? Sarebbe ora di cambiare direzione e di smetterla di sperperare risorse pubbliche in scelte fallimentari organizzate.



Mauro Monella

Inserito domenica 1 novembre 2020


Commenta l'articolo "Fontivegge e S.Anna, due belle e amabili sorelle"

Commenti

Nome: antonella pedini
Commento: purtroppo, caro Mauro, ci vuole lungimiranza per questi progetti. sono anni che se ne parla ma tutto rimane insabbiato perchè? si spendono milioni su progetti assurdi per Fontivegge, progetti che non miglioreranno la vita a chi ci abita e non alleggeriranno il traffico che soffoca quella zona, ma la miopia di certi politici non arriva a vedere e a cercare soluzioni al problema. Riunire le due ferrovie fu proposto una trentina di anni fa ma, da allora, nessuno ha ripreso in mano la proposta.

Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 5787260