28/11/2020
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Non ne ha azzeccata una

Non ne ha azzeccata una
Partire da una regione come l’Umbria libera da covid grazie ad un servizio sanitario pubblico che rimaneva uno dei migliori in Italia e trasformarla in una regione arrivata alla soglia di diventare regione rossa… covid, è prova di raziocinio?


Flavia Perina su "Linkiesta" ha scritto un articolo nel quale esalta l’operato della Presidente Tesei che, secondo lei, è alla guida “dell’unica Regione che affronta la seconda ondata con raziocinio” ed elaborando “una risoluzione alla lotta al virus insieme all’opposizione, ha attivato tutti i posti di terapia intensivi previsti”.

Partire da una regione come l’Umbria libera da covid grazie ad un servizio sanitario pubblico che - per quando debilitato dagli ultimi governi della sinistra e messo sotto scopa dallo scandalo raccomandazioni – rimaneva uno dei migliori in Italia e trasformarla in una regione arrivata alla soglia di diventare regione rossa… covid, è prova di raziocinio?

E dove ha letto la bravissima Perina (detto senza ironia) che la regione Umbria ha attivato tutti i posti di terapia intensiva previsti se all’inizio della seconda ondata pandemica l’Umbria era, unica regione in Italia, a non averne attivato uno che fosse uno: 70 erano 70 erano rimasti come riportato da innumerevoli organi d’informazione.

Ed è stato raziocinante consentire che per la canonizzazione di un ragazzo e davanti alla sua salma si radunassero in pochi giorni ad Assisi decine di migliaia di persone? E a proposito di questo sarebbe interessante lavoro giornalistico condurre una piccola indagine sulla relazione tra positività di frati del Sacro Convento, di Vescovi e Cardinali umbri.

E sempre secondo Flavia Perina è razionale - come ha deciso e fatto la Presidente Tesei - portare malati covid in una struttura che è anche sede di Neuropsichiatria infantile che si occupa di bambine e bambini gracili con pesanti handicap aggiungendo ansia alle pesanti preoccupazioni dei loro genitori e familiari e persino sede di una residenza per vecchi gravemente deteriorati pur sapendo che gli ospizi sono stati e sono in tutta Italia i più martoriati dall’epidemia da Covid. Dov'è la razionalità nell'aggiungere debolezza ad altre due debolezze?

Sebbene provenga da una storia opposta alla mia sono un estimatore di Flavia Perina ma sulla Tesei e il covid in Umbria non ne ha azzeccata una nel suo articolo. Pur non conoscendola mi permetto di darle un consiglio: non prenda più per buone le notizie che le passano dall’Umbria.



Vanni Capoccia


Inserito giovedì 19 novembre 2020


Commenta l'articolo "Non ne ha azzeccata una"

Commenti

Nome: Assunta Perri
Commento: C'è lo zampino di Alessandro Campi e del Corriere dell'Umbria

Nome: Francesca Berioli
Commento: La stimo, forse stimavo, anche io, ma mi chiedo se in Italia esistano giornalisti e giornaliste da stimare. Siamo messi molto male con quella classe

Nome: Paolo Bianchi
Commento: Penso che invece l'abbia azzeccata perché questo è chiaramente un articolo commissionato

Nome: Andrea Misiani
Commento: Quello di Flavia Perina è un articolo da addetta stampa pagata dalla regione

Nome: Costanza
Commento: Queste balle gliele avrà dette l'amico Alessandro Campi? Oppure il direttore del Corriere dell'Umbria fiancheggiatore della Lega? O il proprietario del Corriere dell'Umbria ras della sanità privata che ha il suo cuore operativo a Roma, città di Flavia Perina? A saperlo...

Nome: Giap
Commento: Fascia era e fascia è armasta

Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 5395203