17/09/2021
direttore Renzo Zuccherini

Home >> I cittadini di Ponte Valleceppi aspettano risposte

I cittadini di Ponte Valleceppi aspettano risposte
Le richieste più recenti. Siamo in attesa di risposte. Siamo preoccupati per il destino dell’area e degli impianti della Distilleria: vogliamo essere tutelati dalle Amministrazioni

  •  UN ANNO FA il Comitato Molini di Fortebraccio di Pontevalleceppi-Pretola ha consegnato, al Sindaco di Perugia e alla Regione Umbria, una PETIZIONE sottoscritta da 1.200 FIRME, in cui si chiedeva la modifica delle destinazioni d’uso di Piano Regolatore per le aree interne o adiacenti i centri abitati dove ora insistono o sono previste aziende insalubri di Prima Classe:
    Siamo in attesa di risposte

Il COORDINAMENTO, creatosi tra Associazione Parco Tevere, il Centro socio culturale 1993, l’ARCI e il Comitato Molini di Fortebraccio, si è attivato in questi ultimi mesi:

  • IL 23 OTTOBRE 2020 ha scritto AL SINDACO e agli Assessori all’Urbanistica e all’Ambiente del Comune di Perugia chiedendo di destinare alla riqualificazione del terreno e degli impianti del parco pubblico di Pontevalleceppi (interventi attesi da decenni!) i 37.500 €, erogati dalla Regione al Comune per l’esproprio di un’area del parco pubblico per realizzare l’argine.
    Siamo in attesa di risposte

IL 2 NOVEMBRE2020 ha scritto AL SINDACO e agli Assessori all’Urbanistica e all’Ambiente del Comune di Perugia chiedendo garanzie sull’accessibilità e sicurezza della Pista ciclopedonale lungo il Tevere, in via di assegnazione della gara d’appalto.
Abbiamo ricevuto solo la documentazione del progetto esecutivo, che ha creato più sconcerto che rassicurazioni rispetto alle garanzie richieste.
• Non è definita la velocità di progetto, quindi tutte le caratteristiche conseguenti e soprattutto non sappiamo se sarà garantita la sicurezza dei pedoni e ciclisti urbani
• A valle del ponte carrabile nell’abitato di Pontevalleceppi c’erano numerosi accessi diretti al Tevere e all’attuale percorso pedonale. L’argine li ha cancellati, a parte delle rampe impraticabili e pericolose più volte segnalate senza risposta.
• Il progetto di pista ciclopedonale, che utilizza l’argine quale sede ciclabile, non prevede nessuna rampa dal laghetto al ponte carrabile, né per accedere al Tevere, né per accedere all’abitato.
• Nel progetto ESECUTIVO NON si rinvengono soluzioni per dare continuità al percorso in corrispondenza dell’interruzione creata dal ponte carrabile. Vi si legge solo che NON FA PARTE DELL’APPALTO ATTUALE!  Dove andranno i ciclisti che provengono da Ponte S. Giovanni e quelli che scendono da Ponte Felcino? Nulla è detto.  O forse utilizzeranno l’attuale percorso pedonale lungo il Tevere, peraltro non a norma e esondabile?
• Del collegamento con Pretola, previsto nel progetto preliminare, non vi è più traccia.  

Quindi discontinuità del percorso, inaccessibilità dall’abitato al Tevere, rampe esistenti impraticabili e pericolose?!  In totale contraddizione con gli obiettivi delle direttive europee e di progetto, rispettati pare solo a Ponte Felcino dove addirittura per collegare la pista con l’abitato si costruisce una passerella (dall’iniziale costo del preliminare di 350.000€, si è passati a 1.000.000€, la metà del finanziamento complessivo di 2 milioni: perché?)
Siamo in attesa di risposte

Siamo preoccupati per il destino dell’area e degli impianti della Distilleria: vogliamo essere tutelati dalle Amministrazioni.
Siamo preoccupati per l’esito complessivo degli interventi che si stanno facendo lungo il territorio del Tevere e dentro l’abitato, scollegati l’uno dall’altro: vogliamo un’idea unitaria, un progetto condiviso.
Vogliamo che si spendano i soldi per migliorare, non peggiorare. Per aumentare l’attrattiva del territorio, non far fuggire abitanti e turisti.

 Vegetazione distrutta in area Sic (sito di interesse comunitario)

 L'argine e la rampa impraticabile




Il Coordinamento di Associazione Parco Tevere, Centro socio culturale 1993, ARCI, Comitato Molini di Fortebraccio

Inserito giovedì 14 gennaio 2021


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 5787271