28/10/2021
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Il vivere stanco di Clito Maremmani

Il vivere stanco di Clito Maremmani
Era un uomo solo ed esacerbato. Stati d’animo che emergono con chiarezza nei suoi versi


Leggere il nome di Clito Maremmani (Castiglion del lago 1939 – Perugia 1972) nel “Calendario civile della città di Perugia”, ricordare un suo libretto di poesie “Vivere stanca” e andare a cercarlo è stato un tutt’uno.

Opuscolo spartano, stampato nel 1970 da Brenno Tilli. In quarta di copertina Clito, insegnante di materie scientifiche, scrive d’avere studiato anche a causa di “condizioni fisiche inadeguate a qualsiasi lavoro manuale”.

Limitazioni che incidevano anche nella sua vita relazionale. Negli anni intorno al ‘68 la sinistra viveva in gruppo, ma lui anche allora era un uomo solo ed esacerbato. Stati d’animo che emergono con chiarezza nei suoi versi, dov’è chiara una forma di nichilismo che non concede a Clito, e a chi legge, una pausa emotiva:

Sono come una caverna
rivolta a tramontana,
come un cobra deserto,
io stesso
non sono con me!
Sono un masso spigoloso
lanciato in verso opposto
al moto assurdo del mondo:
ho i fianchi
tutti piagati per gli urti…

E si procede così, poesia dopo poesia. Tra intime dichiarazioni di sofferenza, solitudini, sbandierato desiderio di morte, identificazioni politiche verso eroi perdenti: Spartaco, Guevara e Trotsky il rivoluzionario teorico della rivoluzione permanente il cui nome:

Lev Davidovic,
calpestato
dalla mostruosità della storia
la giustizia della storia
- presto o tardi non importa -
lo farà sfolgorare
di nuovo come un tempo,
alto come una stella.



Vanni Capoccia

Inserito giovedì 21 gennaio 2021


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 5844498