23/09/2021
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Sanità umbra: non accade a caso quel che accade

Sanità umbra: non accade a caso quel che accade
C'è la precisa e determinata volontà di impoverire la sanità pubblica regionale, di non far niente nella sanità di territorio per favorire la sanità privata


A Perugia, città di 160.000 abitanti, capoluogo di una regione per due terzi zona rossa, arriveranno per una ventina di giorni dalla Lombardia 8 medici e pochi infermieri in aiuto agli operatori sanitari umbri oramai stremati e per fare in modo che almeno abbia un senso aver montato un ospedale da campo militare nei pressi del Santa Maria della Misericordia.

Un aiuto minimo per pochi giorni solo perché la Regione Umbria, la Presidente Tesei e l'assessore alla sanità Coletto hanno offerto a medici e infermieri contratti precari a differenza di quanto hanno fatto le altre regioni con il risultato che nessuno di loro accetta quelle proposte e dicono sì a quelle di regioni limitrofe.

Di fatto in Umbria la facoltà di medicina laurea e forma medici e infermieri, le altre regioni li utilizzano.

Questo non accade per caso, ma c'è la precisa e determinata volontà di impoverire la sanità pubblica regionale, di non far niente nella sanità di territorio per favorire la sanità privata.

D'altronde mica è un caso che il Corriere dell'Umbria, di proprietà di un grosso imprenditore della sanità privata, si sia smaccatamente impegnato a favore della campagna elettorale della candidata della Lega Tesei continuando a farla tutt'ora a seggi chiusi da tempo. Una Presidente che è riuscita con l'aiuto dell'assessore venuto dal Veneto Coletto a far precipitare una situazione già compromessa da anni e dall'arrivo della pandemia da Covid.



Perugia, Umbria, Mondo

Inserito lunedì 22 febbraio 2021


Commenta l'articolo "Sanità umbra: non accade a caso quel che accade"

Commenti

Nome: 'l Raspante
Commento: Tutti a di' ta Draghi pijiete 'l sor Coletto manco se me paghi lu ta tutti ha detto

Nome: Giap
Commento: La sanità umbra è in mano al suo liquidatore

Nome: Claudia
Commento: Tutti a prega' che Draghi / se piasse 'l sor Coletto

Nome: Costanza
Commento: La chiusura di bar e barbierie è almeno servita a non far vendere una copia al Corriere dell'Umbria

Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 5794563