26/09/2021
direttore Renzo Zuccherini

Home >> La Lega, Fontivegge e la malavita

La Lega, Fontivegge e la malavita
Il sindaco Andrea Romizi fin dal 2014 dichiarò di metterci la faccia per la soluzione finale di questo problema. Con le elezione del 2019 è arrivata la ex Lega nord e il Sindaco l'ha delegata per la soluzione finale: che però ancora si trova “daccapo a quindici”!


È estremamente difficile per un qualsiasi partito far sembrare una “luce” quello che invece è “ombra”. La politica non è un atto di fede ma constatazione di fatti. Fatti che vanno, oltre tutto, interpretati nella maniera giusta.

Da qualche giornale locale si è appreso che la Lega (ex Lega nord), nel pomeriggio di sabato 29 maggio scorso, è stata impegnata in un incontro con i residenti del quartiere di Fontivegge della nostra Perugia.

Cosa buona e giusta, si dirà! Senza ombra di dubbio che sia così, ma il medico va dal paziente per curarlo quando questi è malato e il quartiere di Fontivegge è purtroppo un malato cronico, per il quale la politica della città non ha saputo individuare, ne in passato ne nel presente, una cura efficace per la sua guarigione; pur provandoci da una infinità di tempo!

È questa la lettura da dare ai fatti politici e dei loro necessari ma inutili interventi nel quartiere; una scarsa se non nulla capacità di cambiare in meglio le situazioni nella gestione della città. Se fosse stato diversamente, in questo momento, nessun soggetto politico, con i loro delegati, avrebbe necessità di vedersi con i residenti di un qualsiasi quartiere della città.

Prima il fallimento è stato della sinistra. Poi è toccato alla destra! Ricordiamoci che il nostro amato sindaco Andrea Romizi (FI) fin dal 2014, elezione della prima Giunta di destra alla guida di Perugia dall’inizio del periodo repubblicano, a suo tempo dichiarò di metterci la faccia per la soluzione finale di questo problema; ma la faccia ancora è lì mentre la criminalità fa ancora da padrona in quel quartiere come in altri della città.

Poi, con le elezione del 2019 è arrivata negli scranni del Comune la ex Lega nord e il sempre nostro amato sindaco ha creduto opportuno delegare la medesima, con i suoi efficientissimi eletti in Comune, per la soluzione finale di questo pericoloso problema. Soluzione che, purtroppo, anche dopo molte “trovate”, come quella non ultima di istituire una sezione del partito in loco, dichiarando che tale provvedimento sarebbe bastato ad allontanare la tanto odiosa criminalità, ancora si trova “daccapo a quindici”!

Purtroppo ancora oggi, per l’inefficienza dei provvedimenti presi, stiamo assistendo all’ennesimo inutile incontro della politica con i residenti.

Cosa dobbiamo dedurre da ciò?

Bello da vedersi ed altamente ridondante per il loro prestigio, ma dal punto di vista pratico una realtà estremamente inefficace per rendere ai residenti e a tutta la collettività della città, la vivibilità del quartiere!

 



Giampiero Tamburi

Inserito mercoledì 2 giugno 2021


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 5797963