26/09/2021
direttore Renzo Zuccherini

Home >> No alla proposta di due gallerie stradali sotto il centro storico di Perugia

No alla proposta di due gallerie stradali sotto il centro storico di Perugia
Firma anche tu contro questo progetto contrario alle finalità del Piano nazionale di ripresa e ad alto rischio di dissesto idrogeologico e naturalistico

Firma qui:

http://chng.it/FhPmMJF9bD

La città di Perugia soffre da anni il problema del malfunzionamento dei servizi di trasporto pubblico, di fatto aboliti, per cui i cittadini sono obbligati a spostarsi solo con le proprie auto, provocando notevoli problemi di congestione, inquinamento, diseconomie.

Il Comune di Perugia ha presentato nell’ambito del Pnrr (Piano nazionale di ripresa e resilienza), senza alcuna specifica consultazione delle popolazioni e associazioni del territorio interessato, la realizzazione di due doppie gallerie stradali sotto il centro storico della città, da Ponte Rio a San Galigano e a Pian di Massiano, cosa che però incentiva  e  conferma una  mobilità urbana e territoriale solo su  gomma, trascurando progetti innovativi ed ecologici che pure sono possibili (Tram-Treno e uso urbano delle ferrovie esistenti)  e sono già oggi negli indirizzi comunitari e ministeriali.

Consideriamo questa proposta del Comune inutile, dannosa, dai costi imprevedibili e di concezione antiquata.

1. Non migliora la viabilità generale perché il traffico verrebbe semplicemente travasato dalla E45 ad altre zone di facile e prevedibile congestione, quali Ponte Rio, San Galigano, Santa Lucia e Pian di Massiano. Oltretutto il percorso impegna la Valle del Rio, non adatta ad accogliere un traffico automobilistico intenso e pesante per la sua configurazione verticale di stretto corridoio vallivo senza aperture laterali.

2. Arreca danni gravi e irreparabili dal punto di vista ambientale per l’alterazione degli equilibri naturalistici, del sistema idrogeologico di superfice e del sottosuolo.

3. Provoca aumento dell’inquinamento aereo sulla stretta valle con inevitabili riflessi sulla salute pubblica.

4.  I costi indicati nel Pnrr Umbro (42 milioni di euro) riguardano le sole gallerie, mentre l'opera globale da Ponte Felcino a Pian di Massiano necessariamente costerà una cifra molto più elevata di cui non è chiaro il livello di finanziamento. Cifre che nello spirito del Pnrr è molto meglio spendere per il ripristino e potenziamento del trasporto pubblico.

5. Questo modo solo automobilistico di intendere la mobilità cittadina si basa su una progettualità superata che non considera le finalità del Pnrr né quanto già realizzato in molte realtà italiane ed europee per la integrazione della mobilità con i bisogni sociali ed ecologici.

Poiché sostenibilità, transizione ecologica e tutela ambientale non sono semplici parole ma   concetti   irrinunciabili, CHIEDIAMO di ripensare questa proposta alla luce delle valutazioni di natura trasportistica, economica e ambientale.

SOLLECITIAMO un progetto innovativo di mobilità urbana e territoriale capace di valorizzare la vocazione naturalistica dei luoghi.

In tal senso le Associazioni stanno elaborando il progetto di massima denominato “Parco del Rio e del Bulagaio”, che offriranno a breve alla cittadinanza e alle amministrazioni locali.

Riteniamo che il Pnrr sia una preziosa occasione per realizzare progetti che rispettino davvero l’ambiente e tutelino la salute umana.

FIRMA QUI:

http://chng.it/FhPmMJF9bD




Inserito mercoledì 23 giugno 2021


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 5797998