26/09/2021
direttore Renzo Zuccherini

Home >> La piazza morente di Monteluce

La piazza morente di Monteluce
Già nata sfortunata con quelle grate di ferro, si è abbattuta prima la crisi immobiliare, poi la sosta selvaggia che non le dà tregua distruggendo la pavimentazione. Un degrado il cui emblema è l’ex padiglione della ”chirurgia vecchia”


Sulla nuova piazza pedonale di Monteluce, già nata sfortunata con quelle grate di ferro, si è abbattuta prima la crisi immobiliare che ha fatto tracollare il valore degli immobili con relativo fallimento del Fondo, poi la sosta selvaggia, con l’immancabile auto del Comune a dare il pessimo esempio, che non le dà tregua distruggendo una pavimentazione non adatta a sopportarla, con auto e furgoni che giocano a “birilli” con i lampioni avendone abbattuti già due e piegato un altro, dissuasori del traffico spostati.

Ora, chissà chi, ha pensato bene di prendersela con i bocchettoni antincendio manomettendoli.

Insomma un degrado di cui emblema è l’ex padiglione della ”chirurgia vecchia” che doveva diventare una “casa della salute” di eccellenza mentre abbandonato a se stesso è diventato ricettacolo di tutto, diffusore di malessere e non di salute fungendo da barriera che separa Casa dello studente e nuova piazza invece di metterli in comunicazione e vivificanti l’uno per l’altro.

Tutto avviene nell’indifferenza generale, con le poche attività nella piazza (sede sindacale dei pensionati, uffici comunali, una palestra, un bar e una pizzeria) che sembrano rassegnate o abituate alla situazione.

Con l'Amministrazione comunale che non pretende con forza e determinazione che la Casa della salute venga realizzata e non abbandonata al degrado sia perché ne ha bisogno la cittadinanza sia perché una volta conclusa diventerebbe automaticamente salutare per quel luogo morente nell’indifferenza generale.



Perugia, Umbria, Mondo

Inserito venerdì 2 luglio 2021


Commenta l'articolo "La piazza morente di Monteluce"

Commenti

Nome: Franco Masciarelli
Commento: Eppure clinica privata, casa studente, le poche attività con distretto sanitario e a lavori nel convento terminati la piazza se restaurata e rispettata vivrebbe

Nome: Marilena
Commento: La Casa della salute è indispensabile alla città e anche alla piazza: con i lavori nel vecchio convento, la Casa salute, lo studentato e la clinica porta sole più il restauro della piazza proteggendola dalle auto la situazione cambierebbe

Nome: Costanza
Commento: Vogliono che muoia certamente chi guida ora il Comune e la Regione e anche chi protestava per le costruzioni e ora brontola solo ma non immagina qualche soluzione

Nome: Piero Borgioni
Commento: Piazza morente perché chi governa la città ha voluto che fosse così

Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 5797999