26/09/2021
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Il Sindaco risponde e conferma

Il Sindaco risponde e conferma
Una proposta della "Tramontana": togliere il fascio e mettere una targa con la foto del 1932. Anzi, si potrebbero mettere dei pannelli fotografici con tutta la storia del Mercato, dalla sua costruzione negli anni Trenta ai recenti lavori di restauro: questa sì sarebbe storia


(nell'immagine, dettaglio della vignetta di Ulderico Sbarra)

Dopo un lungo silenzio, il sindaco di Perugia Andrea Romizi si è espresso sulla triste vicenda del ripristino del fascio littorio sulla parete del Mercato Coperto. Lo ha fatto con un lungo testo in cui sembra mettere in fila non tanto le argomentazioni e le obiezioni più serie, ma soprattutto le sparate più improbabili e sprovvedute apparse sulle reti sociali (facebook, ecc.), compresi alcuni inaccettabili attacchi personali.

Una particolare attenzione è stata dedicata (con garbo, bisogna dire) alla satira (il "poro Bartoccio" e il vignettista della "Tramontana"), la quale evidentemente ha scavato sulla piaga e lavorato di grosso: ma la satira non è analisi politica, è caricatura, e con la caricatura ingrossa, ingrandisce e rende evidenti i difetti e le contraddizioni, come quelle in cui è costretto a dibattersi il nostro Sindaco, eletto da una coalizione in cui la destra è sempre più forte e aggressiva, oltreché inefficiente e dispersiva.

Nel testo, vista la situazione, il Sindaco è stato costretto a riaffermare le sue convinzioni democratiche e antifasciste, di cui gli diamo atto e di cui nessuna persona seria può dubitare. Ma come si dice, viste le cattive compagnie... viste le ambigue frequentazioni... ecc.

Del resto, non è la persona del sindaco che è in discussione, ma la sua fugura politica. Se Romizi vuol passare alla storia cittadina come il sindaco che non ha risolto uno solo dei problemi cittadini (a cominciare dal Mercato coperto, per non parlare degli Arconi, ecc. ), ma ha messo il fascio che non c'era al Mercato, è una sua scelta.

Infatti, la conclusione del testo è la riconferma dell'intenzione di lasciare il fascio in bella vista, magari apponendo da qualche parte una targa con qualche spiegazione "storica": intendendo per storia, ovviamente, solo i 12 anni in cui il fascio è stato esposto (in regime di polizia e di carcere per gli oppositori), e ignorando i 75 anni in cui è stato cancellato (in regime di libertà di opinione, senza che nessuno però chiedesse il ripristino del triste simbolo).

Allora, come "Tramontana" facciamo un'altra proposta: ripristiniamo l'imbiancatura del fascio, per rispettare 75 anni di vita democratica basata salla Costituzione antifascista, e mettiamo una targa con la foto del mercato nel 1932 e una breve spiegazione storica sulla tragedia del fascismo per Perugia e per l'Italia.

Anzi, potrebbe essere l'occasione per esporre in bella vista una serie di pannelli fotografici con tutta la storia del Mercato, dalla sua costruzione negli anni Trenta ai recenti lavori di restauro: questa sì sarebbe storia.

Che ne dice, signor Sindaco?


Il testo del Sindaco si può leggere sul profilo fb di Andrea Romizi:
https://www.facebook.com/profile.php?id=1385847021




Inserito sabato 14 agosto 2021


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 5797828