11/08/2022
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Il Mercato del fascio

Il Mercato del fascio
Quel fascio evoca dittatura feroce e assassina, morte, la più terribile guerra che ci sia mai stata al mondo, persecuzione e deportazione degli ebrei, campi di concentramento e camere a gas, colonialismo, impiccagioni e gas usati come armi contro etiopi e libici, ragazze nere comprate come schiave sessuali: sarà il logo del nuovo mercato coperto di Perugia!


Alla manifestazione antifascista di Perugia, la Partigiana Mirella Alloisio ha fatto presente che quel simbolo fascista restaurato e messo in bella vista al mercato si troverà proprio nella piazza intitolata a Giacomo Matteotti, deputato socialista ammazzato da Mussolini.
Mentre parlava ho pensato che quel fascio sarà il logo del nuovo mercato coperto di Perugia. E che il consorzio che lo gestirà potrebbe anche risparmiare sulla costosa parcella necessaria per richiedere un marchio e relativa campagna pubblicitaria a una società dell'immagine.
Perché per quanto accurato e imbellettato e per quanti denari si possano spendere per una campagna promozionale quel fascio è così invadente che nessun altro logo potrà soppiantarlo avendo una caratteristica che i loghi devono avere: essere evocativo.
E il fascio evocativo lo è, tant’è vero che chi aveva contribuito a liberare Perugia e noi lo aveva giustamente occultato sotto una storica e liberatoria imbiancatura.
Il problema è cosa evoca.
Quel fascio evoca dittatura feroce e assassina, morte, la più terribile guerra che ci sia mai stata al mondo, persecuzione e deportazione degli ebrei, campi di concentramento e camere a gas, colonialismo, impiccagioni e gas usati come armi contro etiopi e libici, ragazze nere comprate come schiave sessuali.
Tutto questo è scritto in quel fascio e, volenti o nolenti (più volenti che nolenti) i membri del consorzio di imprenditori che gestiranno il mercato lo avranno appiccicato nel budget che porteranno al collo.  Così come sarà evidentissimo al collo dei negozianti e delle loro commesse e commessi e sarà anche incollato ad ogni etichetta dei loro prodotti.
Non si vedrà, ma sarà evidentissimo.
Così è e così sarà, finché quei fasci simbolo di morte campeggeranno dall’alto sul consorzio di imprenditori, sui prodotti e le merci in vendita, sul “Mercato del fascio”.



Vanni Capoccia

Inserito venerdì 1 ottobre 2021


Commenta l'articolo "Il Mercato del fascio"

Commenti

Nome: Claudia
Commento: tal Mercato del fascio tutta la roba io je lascio j'armarrà nti scatoloni così capiranno quan so' stati coj...

Nome: Costanza
Commento: e chi ci metterà piede? Io no

Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 6212614