19/08/2022
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Cosa insegna la vicenda di Mimmo Lucano

Cosa insegna la vicenda di Mimmo Lucano
Noi auguriamo di tutto cuore a Mimmo Lucano di poter dimostrare nei successivi gradi di giudizio, di aver agito nel pieno rispetto delle leggi. Se ha infranto una legge ingiusta quella legge dovrà essere cambiata a vantaggio di tutti


In uno stato di diritto, in una democrazia piena e consapevole l’utopia deve potersi incarnare nelle istituzioni e nella legalità. Saremo sempre grati a Mimmo Lucano per aver tenuto acceso il sogno della fratellanza universale e per averlo praticato con limpido sacrificio personale. La sua condanna in primo grado di giudizio, così abnorme nelle proporzioni, ci addolora profondamente ma non ci induce a non avere fiducia nella giustizia né a fare sarcasmo su di essa. I vari paragoni che sono stati fatti giustapponendo la vicenda di Mimmo Lucano con quella di altri personaggi che “a buon diritto” hanno infranto la legge - Rosa Parks, Gandhi, Nelson Mandela, Martin Luther King, ecc. ecc. – sono in qualche modo, per diverse e specifiche ragioni da analizzare caso per caso, paragoni impropri. Un Sindaco, anche di un piccolissimo Comune, è comunque tenuto ad avere competenze e cultura amministrativa di alto livello. Noi auguriamo di tutto cuore a Mimmo Lucano, abbracciandolo fraternamente, di poter dimostrare nei successivi gradi di giudizio di aver agito nel pieno rispetto delle leggi, rispetto che, ovviamente, non può essere solo l’assoluto disinteresse personale che Mimmo ha già ampiamente dimostrato. La nostra Costituzione, tutte le leggi che “legittimamente” ne derivano – e se c’è qualche legge che tradisce lo spirito della Costituzione va immediatamente cambiata! -, sono tali che non solo consentono ma favoriscono la realizzazione del sogno della fratellanza universale. Fiducia quindi nelle nostre leggi, nella capacità complessiva di uno Stato democratico di migliorarsi ed eventualmente autocorreggersi, fiducia nella Magistratura chiamata ad applicare la “nostra” Costituzione e le “nostre” leggi. Ed infine auguri calorosi a Mimmo Lucano. Se ha infranto una legge ingiusta quella legge dovrà essere cambiata a vantaggio di tutti altrimenti, come ha già dimostrato di saper fare, pagherà di persona. In ogni caso: GRAZIE MIMMO!



Paolo Ottaviani

Inserito lunedì 4 ottobre 2021


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 6223807