11/08/2022
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Anche i morti al servizio della propaganda dell'assessore

Anche i morti al servizio della propaganda dell'assessore
Silenzio sul diritto alla casa e all'abitare, ma infaticabile attività di propaganda, che non si ferma nemmeno davanti alla morte per incidente stradale di una persona


Il silenzio più assoluto che avvolge le politiche per il diritto alla casa e all'abitare stride con l'infaticabile attività di propaganda dell'assessore Melasecche che ogni giorno annuncia cantieri, impalcature e rigenerazioni urbane da tutte le parti.

Non riesce ad aspettare nemmeno davanti alla morte per incidente stradale di una persona: a poche ore dai fatti riportati dall'articolo di Umbria On arrivano i proclami di nuove opere di rifacimento della Flaminia. Un bel tacer non fu mai scritto.

Un amministratore, Melasecche, che si è distinto per il suo rifiuto di dialogare con gli studenti che gli hanno chiesto una riduzione dei prezzi dell'autobus, con gli autisti di Busitalia in lotta per migliori condizioni di lavoro, con gli abitanti delle case Ater spremuti dall'aumento di spese condominiali a fronte di una carente gestione degli immobili.

L'immagine perfetta dei politici senza scrupoli e con alcuna capacità di ascolto.

Caro Assessore, come abbiamo fatto il 4 dicembre, torneremo ancora a farti visita e sentirai la voce di chi non si lascia ingannare dai tuoi inteventi su Facebook.

 



Perugia Solidale

Inserito mercoledì 19 gennaio 2022


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 6212619