06/07/2022
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Il Bartoccio pedone vince la Gara di Bartocciate 2022

Il Bartoccio pedone vince la Gara di Bartocciate 2022
Al primo posto si classifica Giovanni Alunni con “Il Bartoccio urbanista… da pedone a Perugia”. Seguono Stefano Vicarelli con “2001 Odissea del Bartoccio” e Roberto Corbucci con “Righino ’nt’la buca”

(nella foto, Giovanni Alunni tra il Bartoccio (Graziano Vinti) e la Rosa (Nicoletta Rondini)

Venerdì 4 febbraio, al Circolo di Ponte d’Oddi, si è svolta la tradizionale sfida tra i poeti perugini a colpi di sferzanti bartocciate, per la proclamazione ella “Bartocciata dell’anno” 2022
Alla Gara hanno partecipato otto poeti: Giampiero Contena, Roberto Corbuccci, Italo Landrini, Simona Gallizioli, Nuvoletta Giugliarelli, Stefano Vicarelli, Giovanni Alunni, Anna Martellotti.
Nei loro versi hanno affrontato un po’ tutte le questioni roventi a vari livelli: dalla critica feroce alla politica e ai politici alle buche delle strade, dai fasci al Mercato coperto all’eurocioccolato di Guarducci e alla desertificazione del centro storico.
Al termine della lettura, il pubblico presente ha votato per esprimere le proprie preferenze: ne è risultato innanzitutto che tutte le bartocciate hanno ricevuto voti, e quindi sono state gradite. Tra le più votate, è risultata terza la bartoccciata “Righino ‘nt’la buca”, di Roberto Corbucci; al secondo posto si è piazzato Stefano Vicarelli con “2001 Odissea del Bartoccio”.
Più votata di tutte è stata ““Il Bartoccio urbanista… da pedone a Perugia”, di Giovani Alunni, che diventa perciò la Bartocciata dell’anno 2022.
A tutti i partecipanti è stato rilasciato un attestato di partecipazione. La premiazione avverrà il 27 febbraio 2022, alla Sala dei Notari, prima dello spettacolo di burattini.
Al termine della Gara, il Circolo di Ponte d’Oddi ha offerto un gustoso “bocone” a tutti i presenti, dopodiché Graziano Vinti ha intrattenuto il pubblico con lo spettacolo di Mò ve l’arconto, un fuoco d’artificio di storie, canzoni e poesie.

la Società del Bartoccio


Di seguito riportiamo la bartocciata vincitrice della Gara:

Il Bartoccio… urbanista
Da pedone a Perugia

Cittadini de Perugia, a vedevve ‘l cor m’abrugia,
perché sete fortunati e vivete da beati.
Anche st’anno lascio ‘l Pièno per ‘nì su a vedè.. ‘l sereno,
che la nebbia ch’emo ‘n giue è mbompò: nn’è posso piue!
Vengo nsue ncol biroccio, n mezzo giusto pe’l BARTOCCIO,
visto che ‘n città me porto, l’ecologico trasporto.
Si, ‘l BARTOCCIO contadino quillo che nn’è malandrino,
quillo che adocchi’e spara pù la dose la rincara!
‘N guarda ‘n faccia ta nissuno, ne bastona qualchiduno;
nco la rima sua tagliente lu’ dileggi’anche ‘l potente!
V’ho lassato l’anno scorzo con qualcosa de rimorzo:
piene d’erba evon le strede, ‘n pisciatoro che ‘n se vede.
E voaltre ch’ète fatto? Chi c’ha colpa pel misfatto?
‘Ete chiesto spiegazione tal politico birbone?
No? M’alzatela ‘sta voce si la cosa pù ve coce!!
Ch’aspettan’ de fa’ ‘l lamento quanno ‘l popol’è scontento?
M’hon parleto de le strede c’hon le buche da nun crede,
‘ndua lo ‘sfalt’è ruvinato e ‘l tombin’è ‘n po cavato,
ndua ‘gni tanto fonn’ na traccia c’arman tlì, piacci’o nun piaccia,
che si ‘n fè ‘n po' d’attenzione rischi de fà ‘n cerquatone!
C’enn’i vicoli del Centro ncol deserto che c’hon drento:
nun se sente più ‘n rimore né, pel l’aria, ‘n bon ofrore,
più nun s’upre ‘na finestra per strillà: pronta.. minestra!!
Ma che ènno ‘sti pastrocchi, voj’ vedèlli ‘n chi mi’ occhi:
donca scendo e vò a piede, visto mai che m’ho d’arcrede?
So’ ‘boccato tlì a la Pesa e già brutt’è la sorpresa:
honno chiuso, o nunn’èn tanti, perugini commercianti!
So salito pe la Viola, c’è qualcosa che consola,
ma si pieghe pe’ la Valle, ‘n trovi certo le farfalle:
c’honn’i muri quil grigiore che fa tanto male al core.
A vedè piazzett’e scale dua ‘n c’è chi zomp’o sale,
né quil pò de confusione, me ce pija ‘n gran magone.
Vò su ‘n centro per vi’Alessi ma ‘sti posti nnen’ i stessi:
nun c’èn’ più freghin a curre né ‘n po d’omìni a discurre.
Le finestre en tutte chiuse, e nn’entra più n’ fil de luce
nton qule case ‘mpolverate ‘n tempo fa molt’abitate.
Ho penzeto nton momento, ntrò che givo verso ‘l Centro:
“Ma ndu’ è la tanta gente ch’a Perugia se fa avante,
quanno veng’a Carnevale e me viene a salutare?
Su BARTOCCIO fa qualcosa, ‘na protesta rumorosa
da svejà ogni coscienza pu al Sinn’co chied’udienza.
E quan che lù te riceve, tu ‘n gì su soltant’a beve,
è da esse mbompò tristo perch’è brutto quil ch’è visto.
J’è da dì a brutto muso, anche si nunn’ è aduso:
- Ma ‘sti nostri Urbanisti, quisti fatti, ‘n l’hon previsti?
Ma ‘n senn’acorti che ‘n città tanta gente più nun ce sta,
che i Borghi en mezzi vòti, nun c’en’ più manco i nipoti?
E i politici che fònno: stonn’a guardà o c’hon sonno?
Poretta sé’ Perugia mia, se nissuno se la pia,
se il destino che t’aspetta viene avanti senza fretta.
Il BARTOCCIO adè va via, c’ha il biroccio giù pla via
che l’aspetta p’arportallo giù dal Pièno senza fallo.

Giovanni Alunni




Inserito sabato 5 febbraio 2022


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 6166178