06/07/2022
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Mario Rigoni Stern a cento anni dalla nascita

Mario Rigoni Stern a cento anni dalla nascita
Le stagioni del sentimento, sabato 18 giugno al Frontone
Avremmo dovuto ricordare Mario Rigoni Stern, uomo e scrittore di montagna come i più sanno, il 20 novembre 2021 (era nato il 1° novembre 1921).
All’ultimo momento abbiamo dovuto annullare l’evento perché proprio quel giorno è deceduta la signora Anna, moglie ultranovantenne del Mario.
Abbiamo subito e comunque deciso di spostare al 2022 tale iniziativa. E la data scelta all’interno del XX GIUGNO FESTA GRANDE a Perugia (la rivolta la resistenza la pace) è stata quanto mai adeguata. Mario Rigoni Stern era un uomo di pace; non a caso era in contatto con Walter Binni e con Aldo Capitini, cui scrisse una lettera alcuni giorni avanti la Prima Marcia della Pace e per la Fratellanza dei Popoli Perugia – Assisi. La resistenza in Rigoni Stern la si può interpretare come resistenza alle avversità verso la guerra e nella ritirata di Russia che gli permise di tornare a casa salvo e così con lui i suoi soldati; resistenza nella lunga e dura prigionia in campo di concentramento. La rivolta contro le angherie e le ingiustizie umane, contro le avversità causate in primis dall’uomo, contro la violenza che l’uomo conduce nei confronti della natura, era esplicita nei suoi numerosi libri.
Ma ciò che in noi ha soprattutto colpito, leggendo la sua opera ed in particolare l’ultimo suo capolavoro, “Stagioni”, è la profondità del sentimento che Rigoni Stern ha sempre profuso, verso la gente, verso il suo Altipiano, verso la natura che tanto amava.
Di Mario Rigoni Stern è stato detto tanto: un uomo di etica civile, l’afflato poetico della sua narrativa e il senso del dovere della memoria da cui la sua storia personale che diventa memoria collettiva, l’importanza che dava alla interazione tra natura umana e natura vegetale, il suo grande insegnamento ecologico ante-litteram, la sua accurata descrizione delle cose, degli animali, delle persone e quindi la natura raccontata, il senso della casa, casa che è isba, baita, malga, ciliegio, altipiano, l’umanità tutta. E molto altro.
Alcuni di noi lo hanno conosciuto anche personalmente e quello che più ci ha colpito, nelle conversazioni con lui avute, è stato la forza interiore apertamente manifestata del suo sentimento che potremmo riassumere con queste parole (anche sue): “meno luce fuori e più luce dentro di noi”.
Lo ricorderemo così grazie alla partecipazione fortemente voluta da tre importanti ospiti, che hanno subito aderito con profondo, appunto, sentimento, strettamente ed emotivamente amicale, alla nostra proposta.
Il secondogenito Gianni Rigoni Stern, impegnato da anni in Bosnia, sulle orme del sentimento profuso in altri contesti dal padre, nella “Transumanza della pace” (il cui, sin qui, emozionante racconto è nel suo libriccino “TI HO SCONFITTO FELCE AQUILINA”), lo ricorderà come genitore e persona ricca di umanità, legata alla sua terra ma una terra senza confini, aperta a tutti, perché la convivenza, la compartecipazione, la fratellanza è e deve essere universale.
Sara Luchetta, giovane laureata in Filologia Moderna con dottorato in Geografia, oggi ricercatrice alla Ca’ Foscari di Venezia, è autrice recentissimamente dell’originale volumetto “DALLA BAITA AL CILIEGIO. LA MONTAGNA NELLA NARRATIVA DI MARIO RIGONI STERN”. Sara ci parlerà del sentimento verso i “luoghi” di e in Mario Rigoni Stern da una visione “geografico-letteraria”.
Niccolò Scaffai, docente di Critica letteraria e Letterature comparate presso l’Università di Siena, ha nel 2017 scritto un impegnativo libro, “LETTERATURA E ECOLOGIA. Forme e temi di una relazione narrativa”, e ci ricorderà Mario Rigoni Stern da un punto di vista “ecologico-letterario”, appunto, ossia della natura in Mario Rigoni Stern e della sua salvaguardia grazie al suo antesignano sentimento e spirito ecologisti.
Tutto questo è stato voluto con determinazione da tutti noi, “Amici di Dino Frisullo”, “NaturAvventura”, “Società di Mutuo Soccorso” di Perugia. Grazie.


Daniele Crotti

Inserito lunedì 13 giugno 2022


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 6166202