26/06/2024
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Perugia: scultura del Novecento e qualità della vita

Perugia: scultura del Novecento e qualità della vita
Il quarantennale delle Scale mobili e il cinquantenario di Umbria Jazz vedrà migliaia di spettatori fare su e giù da Santa Giuliana al Centro cittadino in cerca di musica. Sarebbe giusto e accogliente farglielo trovare segnato da sculture ripulite, ben indicate e adeguatamente illuminate Non solo per una questione estetica, ma per migliorare la qualità della vita dei cittadini consentendo a quelle sculture di esprimere umanità, sentimento civile, senso di comunità, orgoglio civico


Non solo chi nel tempo ha amministrato e ora amministra Perugia ma anche i perugini hanno avuto
problemi con ciò che il Novecento vi ha lasciato, basti pensare alla diffusa indifferenza con la quale l’ex
Policlinico di Monteluce è stato ridotto in macerie, si trascina l’eterno problema del Teatro Turreno, i
lampioni liberty delle poste e il monumento alle vittime civili della guerra di piazza Grimana sono divorati
dalla ruggine, il tabacchificio di Nervi è stato abbattuto mentre il suo stadio di Firenze è tutelato e il
Flaminio di Roma difeso.
Eppure segni del Novecento scampati alla furia antinovecentesca cittadina sono ancora presenti e visibili
da chi avesse voglia di andare a cercarli incominciando, per esempio, da un percorso tra le sculture del
seconda metà di quel secolo da piazza Partigiani fino al Palazzo dei Priori.


Parte dai giardini di santa Giuliana - area verde che ospita la Scuola di lingue estere dell’Esercito e ogni
estate si riempie con il pubblico e la musica di Umbria Jazz - con la fontana di Romeo Mancini: corpi
bronzei e aggrovigliati sembrano fiocinatori sotto i quali da anni non c’è più acqua ma una poltiglia
stagnante di foglie marce e acqua piovana. Poco più in là non se la passa meglio la salda e compatta
scultura di marmo bianco del magionese Burattini. aggredita com’è da muffe, inquinamento e scritte;
dono alla città e ai lavoratori della Cgil manda agli intellettuali l’invito a svolgere “la loro funzione critica”
messaggio oggi più necessario di allora con il mutismo acquiescente che ha colpito la cultura italiana.


Sempre in quell’area la “Grande radice aerea” dello scultore Bruno Liberatore (docente alle Belle Arti di
Roma e allievo di Pericle Fazzini e Umberto Mastroianni) dedicata ai caduti sul lavoro dall’Associazione
mutilati e invalidi del lavoro.


Da piazza Partigiani si entra nelle “Scale mobili della Rocca Paolina” già di per sé un’opera del
Novecento dove s’incontrano il “Volo di Colombe” del 20 Giugno 1986 di Massimo Pierucci umbro da
anni residente a New York dedicato al leader socialdemocratico svedese Olaf Palme “uomo di pace”
vittima di un attentato; 


il “Grande Nero” del grande Burri che sembra essere stato lì da sempre; 


la scultura di Romeo Mancini “ Ai democratici umbri vittime del fascismo” umiliata in un angolo da dove
dovrebbe tornare nel punto per il quale era stata pensata e dove esprimeva il suo significato ora
mortificato. 


Salendo poi nel giardino di Piazza Italia dove la “Bimba al sole” e la “Sirena” di Arturo
Checchi hanno trovato una collocazione adattissima.

 

Per finire all’interno del Palazzo dei Priori con il Monumento ad Aldo Capitini del 20 Giugno 1982.
Scultura intricata, complessa ma coerente come il pensiero di Capitini: stecchi di metallo simili a rovi che
sembrano desiderosi di spingersi in alto verso la torre campanaria del Comune fino alla stanza del
filosofo della Compresenza che Romeo Mancini ha frequentato con i giovani antifascisti perugini.


ome si vede un cammino nella scultura del Novecento e nella storia politica e sociale di Perugia che
mette insieme parti della città che quest’anno godranno di un’attenzione particolare grazie a due
scadenze per Perugia fondamentali: Il quarantennale delle Scale mobili e il cinquantenario di Umbria
Jazz che vedrà migliaia di spettatori fare su e giù da Santa Giuliana al Centro cittadino in cerca di
musica. Sarebbe giusto e accogliente farglielo trovare segnato da sculture ripulite, ben indicate e
adeguatamente illuminate portando così luce su una parte di Perugia, una città che non può
eternamente specchiarsi nel suo glorioso e lontano passato ma dovrebbe avere nel cuore anche ciò che
la sua storia più recente le ha lasciato. Non solo per una seppur importante questione estetica, ma per
migliorare la qualità della vita dei cittadini consentendo a quelle sculture di esprimere compiutamente sé
stesse diventando fonte di umanità, sentimento civile, senso di comunità, orgoglio civico.












Vanni Capoccia

Inserito venerdì 3 febbraio 2023


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 7093036