16/04/2024
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Risuonano i canti perugini con il cantaPerugia

Risuonano i canti perugini con il cantaPerugia
Si sono concluse con le canzoni popolari del cantaPerugia le Giornate del Bartoccio 2023



(foto di Cesare Barbanera)

Domenica 19 febbraio all’Auditorium di S. Cecilia il concerto di canzoni perugine ed umbre del gruppo cantaPerugia ha concluso, con un vero successo e con l’entusiasmo del pubblico, la dodicesima edizione delle Giornate del Bartoccio.
In apertura, si è svolta la cerimonia di premiazione della Gara di Bartocciate 2023, con la consegna dei diplomi alla terza classificata, Fernanda Mollica, e (virtualmente) alla seconda classificata Anna Martellotti, ed infine della targa per la Bartocciata dell’anno 2023 a Giovanni Alunni, che ha letto la sua bartocciata: Bartoccio e Mencarone per Perugia… ncol magone!
Ha quindi portato il suo saluto Giovanni Brozzetti, Presidente della Famiglia Perugia, l’associazione che insieme alla Società del Bartoccio ha organizzato il concerto.
Il Presidente della Società del Bartoccio, Renzo Zuccherini, ha dedicato il concerto alla memoria di due grandi appassionati e cultori della musica popolare e collaboratori di tante iniziative della Società del Bartoccio, Giuseppe Fioroni e Marcello Ramadori.
È quindi iniziato il concerto del gruppo cantaPerugia, davanti a una sala gremita e molto partecipe: 
Francesca Lisetto ha brevemente illustrato la ricerca musicale del gruppo sulla musica popolare perugina ed umbra, con la riproposizione di antichi ritmi e melodie e la creazione di testi nuovi, calati nel mondo di oggi. Quindi Mirco Bonucci, Roberto Cecchetti e Francesca Lisetto hanno esordito con il classico Trescone del Bartoccio, e proponendo poi brani della tradizione popolare umbra come Dua vè Matre Maria o la travolgente sequela di ninne nanne e filastrocche, alternandoli a riproposizioni dei più vivaci pezzi della Brigata Pretolana come Le ragazze pretolane e Teresina, e a brani della nuova canzone perugina, anche su temi civili come la popolare Ballata del XX Giugno, o le purtroppo attualissime Cantate donne e Trescone della pace. La parte finale del concerto è stata dedicata alla riscoperta di vecchie canzoni perugine degli anni del secondo dopoguerra, come il Notturno perugino che fu lanciato da Rino Salviati o Vecchia Perugia del maestro Carlo Alberto Belloni.
Il gruppo ha trascinato il pubblico anche con le note danzanti del saltarello, e il ritmo cadenzato del Trescone del Bartoccio, accompagnato dal battere delle mani del pubblico.
Una bella manifestazione di cultura popolare perugina, che ha degnamente chiuso le Giornate 2023 e, chissà, ha anche dato un appuntamento per il 2024.



La Società del Bartoccio

Inserito martedì 21 febbraio 2023


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 6992540