16/07/2024
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Le scalette della Canapina

Le scalette della Canapina
Semplicità, meno enfasi, sottrazione, meno ego, evocare senza strafare, attenzione ai più deboli sono valori che rendono belle le cose specie quando si trovano in un luogo defilato come il "Campaccio" e “la Canapina”


La curiosità mi ha spinto fino alle "scalette della Canapina" di Perugia per vedere la loro nuova sistemazione che, al di là dell’apparenza, mi è sembrata un progetto poco ambizioso. Perché nel rifare una barriera architettonica come delle scalette l’ambizione deve spingere - prima di tutto - a impedirgli di continuare a esserlo consentendo il loro superamento a chi si muove in carrozzina, a un genitore che spinge il passeggino, a un cieco o un ipovedente, agli anziani.

Invece una carrozzina non ci potrà transitare, un cieco o un ipovedente non sentiranno sotto i piedi le strisce zigrinate che gli facilitano l'andare e non c'è nemmeno un passamano cui possano appoggiarsi anziane e anziani.

Tenere conto di questo anche se ad avere tale difficoltà saranno poche persone all’anno è una questione di civiltà, di etica e di bellezza. Non a caso a proposito di questi due ultimi valori Tomaso Montanari in un suo recente scritto invita a ricordare “che la bellezza è una categoria etica almeno quanto è estetica".

Le cose, specialmente se pubbliche, per essere belle devono avere una loro moralità. E in un luogo austero e di basso profilo persino nei nomi popolari "il Campaccio", “la Canapina” che ha, nel quale s'incontrano medioevo e muro etrusco ci voleva meno retorica ricordando che si dovevano semplicemente rifare le "scalette della Canapina" tenendo conto dei bisogni dei più fragili.

Esaltando, questo sì, il contesto facendo quindi in modo che chi passa senta il desiderio di alzare lo sguardo in alto verso le pietre etrusche, l'abside di san Benedetto, l'ingegneria novecentesca del contrafforte metallico di Mastrodicasa senza essere distratto da tutto quel marmo bianco in basso.

Semplicità, meno enfasi, sottrazione, meno ego, evocare senza strafare, attenzione ai più deboli sono valori che rendono belle le cose specie quando si trovano in un luogo defilato come il "Campaccio" e “la Canapina”, storicamente ed evocativamente custode di infinite sottili suggestioni.




Vanni Capoccia

Inserito martedì 28 novembre 2023


Commenta l'articolo "Le scalette della Canapina"

Commenti

Nome: Claudio Rossi
Commento: tra le scalette e le scale mobili hanno messo strisce di marmo che sembrano messe per far inciampicare le persone

Nome: Giulio Rampini
Commento: Per fortuna che c'è il cambiamento climatico che se poco poco fa un inverno di una volta dal gelo lì non ci si passa

Nome: Giap
Commento: quiste nso scalette è na cava de marmo

Nome: Costanza Ciabatti
Commento: finalmente qualcuno che l'ha scritto

Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 7122309