18/04/2024
direttore Renzo Zuccherini

Home >> J'auguri del Bartoccio pe' l'anno novo

J'auguri del Bartoccio pe' l'anno novo
...e speràn che l'an che viene sbazzirà dolori e pene. Non più guerre, occupazioni, j'incidente pe' le strade, pu 'l lavor che fa murì, to le donne la violenza... Tai poracci via le tasse, chi cià i soldi le pagasse; e per tutti 'l damagnà, vive ben con dignità


Tanti augur grossi e tamanti
ta voaltre tutti quanti,
che rivasse la fortuna
cla solina e ìl lumiluna,
che ce gisse mej' che guanno
e nn'arivi nissun danno:
e speràn che l'an che viene 
sbazzirà dolori e pene.
Non più guerre, occupazioni, 
bombardà da aerei e droni
sopra scole e j'ospedali,
nné più arme ti arsenali,
nné nemichi da combatte
pe' n'idea che nunn'arbatte,
nné bandiere o religioni,
nné confini nfra nazioni.
Quil che manca da tant'ha
l'anno novo 'l porterà:
conversione pe' l'ambiente
dei governi e de la gente,
grande 'mpegno pla cultura,
pla salute tanta cura,
strade uperte a caminà,
a discorre, a pedalà,
aree verde e pedonali,
pe' spostasse più postali.
Finiròn, co' l'an che giogne,
le tre brutte gran vergogne:
j'incidente pe' le strade,
che nissun par che ciabade;
pu 'l lavor che fa murì,
pe la smàina d'aricchì;  
to le donne la violenza
de chi l'ama nn'apparenza.
Tai poracci via le tasse,
chi cià i soldi le pagasse;
umentàssono le paghe
ch'ènn'ardotte come piaghe;
e per tutti 'l damagnà,
vive ben con dignità.
Tisti donca ènno j'auguri,
che s'avvéron sén siguri!





Il Bartoccio

Inserito lunedì 1 gennaio 2024


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 6995447