18/04/2024
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Differenze tra Zona 30 e Città 30

Differenze tra Zona 30 e Città 30
Cosa significa Zona 30, quali sono i benefici, cosa significa Città 30

Ci sembra opportuno chiarire…

Cosa significa Zona 30? 
La Zona 30 è uno strumento urbanistico che mette in campo diversi interventi che comprendono ma non si limitano alla riduzione della velocità delle auto a 30 km/h. E’ regolata dal Codice della Strada e la prima strada a 30 km/h è stata inaugurata a Cesena nel 1998.
Perché la Zona 30 è uno strumento urbanistico efficace?
La Zona 30 permette di trasformare la città velocemente e a costi contenuti. E’ un “contenitore” di interventi che permettono di riqualificare lo spazio pubblico e di favorirne gli usi.

Quali sono gli obiettivi della Zona 30?
Con la trasformazione di una strada urbana in Zona 30 si riduce il “transito da attraversamento”, la velocità diminuisce ed aumenta la sicurezza sulla strada; lo spazio pubblico viene in parte liberato dalle auto e restituito alle persone; aumentano gli spazi pedonali; gli stessi spazi vengono riqualificati con arredi e verde pubblico; migliora la convivialità sulla strada; la circolazione diventa più fluida e i negozi di quartiere beneficiano di un maggiore passaggio di persone e quindi potenziali clienti.

Quali sono i benefici della Zona 30?
  • maggiore sicurezza, poiché il limite di 30 km/h prima di tutto protegge la vita e la salute delle persone (un impatto a 50 km/h è quasi sempre mortale per chi lo subisce da pedone o da ciclista, mentre a 30 km/h no)
  • migliore qualità dell’aria
  • riqualificazione dello spazio pubblico
  • migliore convivenza tra gli utenti della strada
  • rilancio dell’economia di prossimità
Cosa significa “Città 30”? 
Il concetto di Città 30 altro non è che l’estensione del limite di 30 km/h in quasi tutte le strade di una città, con lo scopo di diminuire l’incidentalità e restituire vivibilità ai cittadini. Quando si parla di Città 30 è però fondamentale chiarire due concetti:
Come indica il Codice della Strada, il progetto di Città 30 non comporta l’abbassamento indiscriminato del limite di velocità massima sull’intera rete viaria, dato che vengono normalmente escluse le tratte di viabilità principale e/o per le quali il rischio dovuto alla maggior velocità è meno rilevante, ad esempio per l’assenza significativa di pedoni, ciclisti, bambini, anziani, disabili. (leggi il nostro articolo: “Città 30 km/h e velocità massima. Cosa dice il Codice della Strada” qui)
La Città 30 è un’operazione molto più ampia di una riduzione della velocità: Città 30 significa applicare gli interventi della Zona 30 nei quartieri, con i benefici che questi comportano: riduzione degli incidenti mortali, incentivo alla mobilità attiva (a piedi e in bicicletta), riduzione dell’inquinamento e del rumore.

Da: https://www.genitoriantismog.it/



Inserito domenica 21 gennaio 2024


Commenta l'articolo "Differenze tra Zona 30 e Città 30"

Commenti

Nome: flavio
Commento: ancora e sempre ordini dall'alto se la gente pensasse che fosse utile andare a 30 puo'andarci anche ora le cose utili si fanno di spontanea volonta non imposte sempre con multe dove solov i soldi contano

Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 6995260