18/04/2024
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Incoerenza della Regione dell'Umbria

Incoerenza della Regione dell'Umbria
Mentre al Bit di Milano promuove il turismo lento, a Perugia consente ai veicoli a motore di andare sui sentieri

 “La Regione Umbria prima modifica la legge regionale e consente di fatto ai veicoli a motore di percorrere sentieri e strade di servizio montane, poi afferma ai massimi livelli la volontà di sviluppare e valorizzare tutta la rete dei cammini religiosi e dei sentieri naturalistici. Ci sembrano due iniziative del tutto inconciliabili, anzi la prima iniziativa è una vera e propria azione di demarketing della seconda”.
Così il presidente del Cai Umbria Gianluca Angeli riferendosi alle dichiarazioni diffuse ieri alla Bit di Milano dalla presidente della Regione Umbria, Donatella Tesei e dall’assessore al Turismo Paola Agabiti.
Il presidente Angeli ricorda che il Cai-Umbria e le 23 associazioni ambientalistiche e culturali, che hanno espresso la loro contrarietà all’emendamento che autorizza di fatto il libero transito ai veicoli a motore sui sentieri “attendono ancora una risposta alle richieste avanzate ai massimi vertici regionali nell’incontro dell’11 gennaio scorso. Il 3 febbraio scorso - aggiunge - abbiamo manifestato pubblicamente il nostro dissenso davanti alle sedi della Regione, con una iniziativa civile e pacifica. A questo proposito voglio comunque esprimere, interpretando il sentimento di tutti, il rammarico per alcune isolate intemperanze verbali, da cui ci dissociamo in maniera netta, rivolte alla consigliera regionale regionale autrice dell’iniziativa di legge”.
“Il Cai-Umbria e le altre associazioni - sottolinea Angeli - si sono sempre poste in maniera responsabile e costruttiva rispetto alla questione, pur esprimendo un netto NO ai veicoli sui sentieri. A questo proposito - conclude - voglio chiarire due questioni che qualcuno ha voluto diffondere in questi giorni: non abbiamo mai considerato ‘delinquenti’ i cacciatori, gli enduristi e chiunque altro sostenga posizioni contrarie alle nostre; come pure non abbiamo mai rifiutato, un confronto con questi soggetti, peraltro mai promosso da alcuno. E comunque riteniamo a questo proposito che un eventuale ‘confronto’ si sarebbe dovuto svolgere prima e non dopo l’approvazione dell’emendamento che ha modificato la legge. Rimaniamo in attesa".







Cai Umbria

Inserito mercoledì 7 febbraio 2024


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 6995241