18/04/2024
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Consegnata la targa al poeta ternano che ha vinto la Bartocciata dell’anno

Consegnata la targa al poeta ternano che ha vinto la Bartocciata dell’anno
Luigi Cordidonne ha vinto con una bartocciata su “Lu sindicu de Terni”; subito dopo il sindaco si è dimesso: secondo il Bartoccio, è stata la bartocciata!



(foto di Cesare Barbanera)

Con una piccola ma intensa cerimonia, cui ha partecipato il presidente della Società del Bartoccio Renzo Zuccherini, il Bartoccio (alias Graziano Vinti) ha consegnato la targa del vincitore della Bartocciata dell’anno 2024 a Luigi Cordidonne, che ha vinto la Gara di Bartocciate con “Lu sindicu de Terni”, in dialetto ternano.
È la prima volta nella storia che una bartocciata in un dialetto diverso dal perugino si afferma nella Gara di Bartocciate, ma il pubblico perugino ha apprezzato la simpatia e la graffiante ironia della bartocciata di Cordidonne, nonché la musicalità del suo dialetto. Il Presidente della Società del Bartoccio ha dichiarato: “Siamo felici di questo risultato, che dimostra che Perugia oggi non è più il borgo chiuso in se stesso, ma è ormai formata da cittadini che provengono non solo da tutta la regione, ma da tante regioni italiane e da tanti paesi, con tante presenze culturali che arricchiscono la città e si contaminano nel segno dell’apertura”
Certo, la bartocciata colpiva un personaggio sconcertante e fuori da ogni misura, finito nelle cronache nazionali per le sue esternazioni verbali e fisiche. 
Ma il fatto davvero sorprendente è stato il fatto che, dopo questa bartocciata, il sindaco si è dimesso: secondo il Bartoccio, non ha retto alla satira graffiante della bartocciata, e davanti ai versi del Bartoccio ternano si è dovuto arrendere anche il sindaco più spavaldo e imprevedibile di sempre.
Come dargli torto?
Ecco dunque la Bartocciata dell’anno 2024:

Lu Sindicu de Terni
di Luigi Cordidonne

Mo a Tterni ciavemo 'n zindacu kk'è 'n ggiojellu
Quarghe picculu difettu però è tandu bellu
N’ge sta a ffa’ casu è ‘n gapoccione e cia 'nbo de panza 
Ma lo sapemo tutti significa “sostanza”.

Kome ‘n toru su lu kunzijere s’è langiatu
Furtuna c’era la pulizzia ke l’a fermatu.
N’ze po’ propriu di’ ke ssia ‘n boeta raffinatu
‘N te scanzi? Te passa sopra kome ‘n karrarmatu!

Spessu Bandecchi ce prova a ‘ffa’ l’americanu
Lui mica cià problemi, pija ‘n fucile ‘n mano
Ha dittu ke de Dubbai Terni è morto meju
Kuann’ò sinditu ‘sta cazzata ho dittu “so’ sveju?”

L’amici mia steono a jacchiera’ drento lu barre
E diceono “chi è quistu? Pablo Escobarre”?
Unu a dittu “’n vidi la capoccia che riluce”?
Quasi quasi me sembra k’arsumija a lu duce

Llà lu cambu l’anno fermatu ke volea sputa’
Sembraa ‘n ginghiale ke non zapeva ndo’ cazzo anna’
Me ricordo ke Terni era rossa e solidale
Ko’ quistu è diventata solamente brutale

Angora me chiedo ma ki cazzu l’a votatu?
Po’ dico “me sa ke quarghe votu l’a compratu”
A li vicchjitti ja’ chiestu lu contu corrente
“Tranguilli penzo io a ‘rmetteve quarghe ddente”

Co’ li sordi sua paga la pulizzia privata
Ma ‘na città no’ sta mejo se se sende armata
Dice ke cco’ le macchine de lusso ce spaccia
Gente come lui me pare solo ‘na minaccia

Cià l’università guadambia tandi quadrini
Come a lu supermercatu danno li bollini
Lui parla spessu de “azzione e reazzione”
‘n zarà ke unu come lui passa da cojone!

Lui cià lu mitu de ggente come Berlusconi
N’andra piaga ke ccià ruinatu l’anni più bboni
All’eleganza e ala Finanza lui fa sberleffu
Tutti in coro nui penzamo “ma che bruttu ceffu!”

M’onno dittu che pure da Fedez quistu è annatu
E anghe da Montanari è statu sfangulatu
A ‘na donna ‘n tv ja dittu k’era d’abbatte’
De da’ potere a ‘sta ggente mo dovemo smette’

Ho anghe vistu ‘llu gran guittu de Crozza Mauriziu
De lu sindacu de Terni svela’ ‘ogni viziu
Me sembra tuttu ‘n ingubo devo esse’ singeru
‘nvece accenno la ttv e lui sta lì perdero

A ‘sto ‘maccione tantu sensibile e garbatu
Nu je’ va a ggeniu resta’ ne l’anonimatu
Drittu n’biedi all’urdimu kunziju cummunale
A dittu ‘n kosa pe’ llui morto abbituale

Se l‘omu n’guarda lu culu de ‘na bella donna
Aggiungo “speciarmente se cià la minigonna”
E nun prova a tromballa, lui non è normale
Nui de Terni dimo “ma k’emo fattu de male?”

Sarìa bellu se fusse ‘na favola ma è storia
Ve raccomanno allora de conserva’ memoria.











la Società del Bartoccio

Inserito sabato 10 febbraio 2024


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 6995261