24/01/2020
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Fogli/e (e frutti) di settembre

Fogli/e (e frutti) di settembre
... i cerchi delle streghe...

In allegato, il numero di settembre 2011 di Folia Fluctuantia:

 FOLIA FLUCTUANTIA settembre 2011.pdf

...Si racconta che le Fate, le ancelle della Sibilla, che abitavano ed erano al suo servizio negli anfratti della montagna omonima, la sera scendessero a Castelluccio. Scendevano per vedere e sapere cosa succedesse lì e nel mondo e poi riferirlo alla Sibilla, che così poteva emettere le sue sentenze e le sue a volte arcane e sibilline, appunto, affermazioni. Quando erano in piazza a Castelluccio, le fate erano inarrestabili, irrefrenabili. Cantavano, parlavano, ascoltavano, ballavano. Erano giovani, erano belle, bellissime. Nessuno poteva loro resistere e tutto tutti raccontavano. Le fate, ancelle fedeli e sicure, riferivano poi il tutto alla loro sovrana, la Sibilla. A mezzanotte le Fate erano obbligate a rientrare. La salita era faticosa e la fontana poco sotto la cima dell’Argentella era per loro una tappa obbligata, per riposarsi e dissetarsi a piacimento. Ecco perché ora questa fonte, sempre vitale, si chiama ‘Fonte delle Fate’. Ma succedeva anche, nelle serate e nottate di luna piena, che nel percorso del rientro, quasi impazzissero, si trasformassero, diventassero o quasi fossero delle streghe. Mutavano sembianze e atteggiamento. Diventavano appunto delle streghe, sì delle streghe. Da giovani diventavano vecchie, da belle diventavano brutte, e cominciavano a dimenarsi, agitarsi, e sbraitare correndo in cerchio una dietro l’altra. Per minuti, per ore a volte. E formavano così dei cerchi che chissà come quando l’erba rispuntava era più forte, più verde, più scura; insomma si formavano i cosiddetti ‘cerchi delle streghe’. Perché qui i funghi, quelli buoni, si possano più facilmente reperire resta un  mistero.



Daniele Crotti

Inserito lunedì 29 agosto 2011


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 5001726