23/01/2019
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Tutti i piatti di polpa di cellulosa sono prodotti in Cina

Tutti i piatti di polpa di cellulosa sono prodotti in Cina
Commento all'articolo: "Il Comune di Perugia fa mangiare i bambini delle scuole materne su piatte fabbricati in Cina"

Con riferimento all' articolo in oggetto da voi pubblicato il 25-02-2016, premesso che opero nel settore delle materie plastiche da oltre 40 anni, non comprendo la vostra meraviglia nello "scoprire" che in una scuola materna vengono utilizzati "piatti in  polpa di cellulosa fabbricati in Cina".
A me risulta che tutti i piatti di polpa di cellulosa siano prodotti in Cina.
Quindi quelli utilizzati nelle Sagre, negli asili, nelle mense scolastiche sono tutti fabbricati in Cina, importati da grossisti e rivenduti a distributori locali.
Non mi risulta che ci siano produttori italiani di questo tipo di stoviglia (polpa di cellulosa) salvo qualche tentativo ancora alla fase di studio a livello europeo.
Il vero problema non è la provenienza, ma la certificazione di alimentarietà e di contatto diretto con grassi, oli nonché il grado di resistenza di calore.
A parte la certificazione del produttore cinese necessita che l' importatore faccia certificare da un Istituto nazionale accreditato ogni lotto importato.
Certificazione che deve essere girata ai distribuitori e quindi all' acquirente finale per avere una rintracciabilità di ogni lotto.
Vorrete altresì tener presunte che da una ricerca scientifica di Live Cycle Assessment (Lca) comparative tra stoviglie per uso alimentare in polipropilene polistirolo (tutti materiali riciclabili al 100%)  e in acido poliattico (Pla) e polpa di cellulosa i primi hanno un impatto ambientale nettamente inferiore.
Riflessione per chi si occupa di tematiche ambientali nella pubblica amministrazione. 

--

(l'articolo è del 22 maggio 2014, e si riferisce non alla sorpresa per la provenienza, ma appunto alla scheda tecnica inappropriata, oltre che ad altre polemiche del momento:
http://www.latramontanaperugia.it/articolo.asp?id=5567
Comunque ringraziamo il lettore per le precisazioni.



Antonio Dottori

Inserito domenica 6 marzo 2016


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 4460017