22/01/2021
direttore Renzo Zuccherini

Home >> Le tecniche mentali. La visualizzazione creativa: “Ridisegnare la propria vita e diventarne autori”

Le tecniche mentali. La visualizzazione creativa: “Ridisegnare la propria vita e diventarne autori”
Tratto dal foglio informativo dell'associazione Le Vie della Salute n.11 - 4/2009
 
  
 

Un laboratorio esperienziale si svolgerà domenica 14 giugno ore 10.00 - 18.00 condotto da Stefania Belli e Francesco Tullio presso un agriturismo vicino Perugia. (Iscrizione obbligatoria Tel 339-5948548)

La visualizzazione creativa può essere considerato uno strumento tramite il
quale possiamo ridisegnare la nostra vita in virtu' del fatto che una
parte della nostra mente opera con perseveranza per un fine di benessere ed
equilibrio per superare alcuni scogli presenti in una altra parte della
nostra mente, abbarbicata nel dolore e nelle riverberazioni infelici.
La visualizzazione creativa si è rivelata in più occasioni un ottimo metodo
per realizzare obiettivi e desideri, per esplorare nuove realtà e rendere
possibili i propri sogni e desideri. Si e' rivelata inoltre utile per apportare
dei cambiamenti personali a comportamenti, credenze e retaggi del passato non
più funzionali per il benessere personale.
Secondo Shakti Gawain, autrice del libro 'Il potere della visualizzazione
creativa', Ed Mediterranee, l'universo è una sorta di grande campo di energia,
nel quale la realtà non è altro che la manifestazione di energie che vibrano a
intensità e frequenza diversa; il pensiero è "una forma di energia rapida,
leggera, mobile", e per questo motivo "esso si manifesta istantaneamente, a
differenza delle forme più dense di energia come la materia. La scrittrice
sostiene la tesi, condivisa da altri autori, che nell'essere umano sia
innato il potere infinito di creare qualunque cosa e di rendere manifesta
qualsiasi immagine interiore.
La combinazione di alcune tecniche si è rivelata importante, nella nostra
esperienza, per liberare la parte della mente intrappolata in blocchi emotivi
del passato che determinano atteggiamenti o comportamenti di auto-sabotaggio
non consapevoli. Spesso infatti i nostri comportamenti sono condizionati dalle
reazioni emotive ad eventi traumatici lontani, che restano nella “memoria
inconscia” e continuano a “riverberare”. Così come dei meccanismi inconsci
generano il sabotaggio della nostra felicità, altre parti di noi possono
generare senso di appagamento e di benessere profondi. Possiamo decidere di
valorizzare queste ultime parti e di usare il seguente percorso per
accompagnare altri individui a percorrerlo.
Il rilassamento guidato e/o la meditazione, sia essa dinamica o passiva,
rappresentano, secondo la nostra esperienza, un primo possibile stadio del
processo di cambiamento. In questa fase ci liberiamo delle interferenze
esterne, vengono neutralizzate o ridimensionate le attività mentali che
provocano anche malessere fisico, come preoccupazioni, stress, paura, o senso
di colpa; la mente si calma, il respiro diventa più profondo, i battiti
cardiaci rallentano, sia il corpo che la mente sono pervasi da pace e benessere
interiori. Più scendiamo nella profondità del nostro essere, più siamo padroni
della nostra pace interiore. Entriamo in armonia con noi stessi e con il cosmo
al quale siamo connessi.
Nel secondo stadio raccogliamo l’energia con la tecnica del rebirthing.
Abbinando il rilassamento e la meditazione alla respirazione circolare,
consapevole e rinforzata del rebirthing, permettiamo a noi stessi di entrare in
un atteggiamento ricettivo ed allo stesso tempo creativo, rilassato e nel
contempo carico e pronto al cambiamento.

In tale stato di rilassamento la mente produce "onde ALPHA", rendendoci
capaci di comunicare col nostro inconscio, la parte più profonda della nostra
mente,la parte misteriosa, dove sono contenute tutte le memorie della nostra
esistenza, quella che genera molti dei nostri comportamenti.
In questo stato di rilassamento, profondo ma vigile, possiamo comunicare
consapevolmente con la parte subconscia della mente inviando i messaggi
potenzianti che desideriamo per modificare le abitudini negative e trasformarle
in positive. E’ qui che trasformiamo le energie con l’attività della
visualizzazione o immaginazione.
Durante la visualizzazione creativa guidata utilizziamo tutti i nostri
sensi: vista (immaginazione) con colori vividi ed immagini tridimensionali,
olfatto (odori, fragranze e profumi), tatto (sensazioni e percezioni ed anche
caldo o freddo), gusto (sapori) e udito (suoni, voci, rumori) ed attraverso l’
immaginazione creiamo le situazioni che più desideriamo.
Per consentire alla visualizzazione di esprimere al massimo la sua
efficacia, è necessario trovarsi nello stato meditativo più profondo possibile,
aiutati in questo dal respiro. Quando corpo e mente sono profondamente
rilassati, le onde elettriche emesse dal cervello rallentano, il corpo
conseguentemente si adegua alla nuova situazione celebrale, rilassandosi
profondamente e rimanendo recettivo alle informazioni. L’immaginazione è più
efficace della forza di volontà ed agisce a livelli più profondi. La mente
spesso non distingue fra un evento realmente accaduto e ad un evento immaginato
in modo vivido; il corpo reagisce con modalità identiche mediante gli stati
emotivi, creando le relative connessioni neuronali, rafforzate attraverso la
ripetizione. La differenza fra questa tecnica e la manipolazione mentale della
pubblicità a fin di lucro è che nel nostro caso si offrono gli strumenti
stessi in mano alle persone, affinché quest'ultime ne diventino consapevoli
e li usino per la propria crescita, liberandosi cosi' da forme di dipendenza,
di bisogno o servilismo consumistico.
Ovviamente esistono molti altri aspetti, oltre a quelli descritti nel
processo di cambiamento. Ad esempio si rivela necessario esplorare altre
dimensioni, fra cui sviluppare la capacità di ristabilire relazioni familiari
e sociali soddisfacenti e gratificanti.
La visualizzazione creativa è dunque uno strumento utilissimo per eliminare
comportamenti non desiderabili, come dipendenze affettive o mancanza di fiducia
in se stessi. La si puo' sperimentare per realizzare gli obiettivi più ambiti
della nostra vita, per renderci consapevoli dei nostri talenti, imparare ad
utilizzarli al fine di creare la vita che desideriamo e per concepire il mondo
come un luogo magico.
Una esperienza di visualizzazione creativa verrà svolta
Dal 15 aprile al 6 maggio, mercoledì ore 20.00-22.00 si svolgerà un
minicorso introduttivo su visualizzazione creativa e rebirthing con Stefania
Belli, all’interno dello spazio di bioenergetica curato dal dr Tullio
(prenotazione obbligatoria).




Stefania Belli – esperta di rebirthing, e Dott. Francesco Tullio – psichiatra psicosomatista

Inserito martedì 31 marzo 2009


Redazione "La Tramontana"- e-mail info@latramontanaperugia.it
Sei la visitatrice / il visitatore n: 5462841